24/07/2015

Una manciata di brani inediti raccolti in un lavoro dalla chiara ispirazione Zeppeliniana nel titolo: i Brightside, band attiva da circa due anni, si presenta con l'autoproduzione “Vol.1”.

Sei tracce per un ascolto dalla chiara matrice brit: il rock proposto dal gruppo bolognese è ben strutturato, interconnesso fra melodie accattivanti e ritmiche precise; bene anche il lavoro effettuato sui testi e sul cantato: ritornelli catchy trascinano i timpani senza incappare in clamorosi scivoloni, contribuendo alla buona prestazione offerta dal frontman Andrea Turone. In particolare, brillano gli episodi “Wasted on love” e “Road to her”, capaci nella propria brevitas di dettare la strada maestra in vista di prove sulla lunga distanza.

Sorprendente esordio dei Brightside: coerenza artistica nel lavoro che ricalca un genere senza subire la fascinazione degli esperimenti, spesso arma a doppio taglio. Bene così, ci sarà tempo per crescere e spaziare quanto più possibile.

---
La recensione Brightside - Recensione - Vol.1 di Giandomenico Piccolo è apparsa su Rockit.it il 16/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati