Greta olm Swallow 2015 - Folk, Acustico, Post-Rock

Swallow precedente precedente

Un disco di rock acustico lento, profondo e passionale che ricorda da vicino l'Islanda degli Of Monsters And Men.

"Swallow" è un disco lento, profondo, ricco di sentimenti e di passione. È una scrosciante pioggia ammirata malinconicamente dalla finestra, e allo stesso tempo è l'arcobaleno che la spazza via riportando energia e vitalità. Cuore e anima del progetto è Matteo Filippone, sicuro e appassionato nel dare voce alla dichiarata metafora del viaggio che in questo album traspare netta e decisa: dai mari del nord ("Northern Seas") a Velkomin, traduzione islandese del nostro "benvenuto", anche se sembra più un "entra pure, accomodati, fai come se fossi a casa tua".

L'Islanda che si insinua in questo disco assomiglia tanto a quella degli Of Monsters And Men. Il folk rock di questi ultimi qui diventa un lento acustico fatto di voci e chitarre che spaziano da armoniosi arpeggi ad accordi in totale voluttuosità, dentro brani ben strutturati con un accennato richiamo al pop rock anglosassone più nineties. Il disco si districa agevolmente tra atmosfere rilassate ed altre più intense, arrivando a farci fantasticare in maniera estremamente piacevole, soprattutto in "Perfect Grace", dove interviene con timidezza la delicata voce di Martina Calabrò, che riesce ad esaltare ancora maggiormente quella profonda e risoluta di Matteo Filippone. I due si intrecciano a meraviglia, e gli si può pure perdonare la pronuncia non esattamente oxfordiana, anche perché a fare da sottofondo alle loro voci sono ottimi pure gli intrecci di banjo, mandolino e chitarra.

Otto tracce che compongono quello che è sicuramente definibile come un bel disco, e allo stesso modo Greta Olm come un progetto da seguire con attenzione. Il gruppo sembra conoscere bene la strada che sta percorrendo, ma dà l'impressione di lavorare al meglio lontano dal palcoscenico, riflettendo lentamente, senza troppe interferenze esterne. Tranne ovviamente quelle date dai numerosi viaggi e ritorni a casa che dicono di narrare in questo loro album d'esordio.

---
La recensione Swallow di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2015-10-27 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO