02/12/2015

Mettere in ordine pensieri e concetti dopo aver ascoltato “Droga e Puttane” dei De Rapage è come decidere di tenere una lezione di marketing su una dancehall popolata da persone sotto effetti di droghe sintetiche.

Noi ci proviamo, presentando il quarto capitolo della storia musicale del gruppo abbruzzese, un'autoproduzione completa e complessa che ruota intorno alle vicende di Giovanni Latruffa, personaggio immaginario conosciuto col nome di Johnny Swindle e protagonista di un lavoro riconducibile ai concept album tipici degli anni '70.
Un ascolto eterogeneo, che attraversa rock, punk e ritmiche funky, caratterizza le ventitré tracce che si sussegono in questo lp: skit farseschi e brani più organici raccontano le storie tracciate dalla band, in un tripudio di surrealismo dove l'uso del trash talking è provocazione grottesca.

Interessante, senza dubbio peculiare e capace di dividere nettamente gli ascoltatori: “Droga e Puttane” attinge a piene mani da un rock complicato da proporre (sia per attuali gusti del pubblico che per dinamiche d'ascolto) ma brilla di pregevole coerenza artistica ed un potenziale da opera-rock. È un delirio, bisogna accettarlo e addentrarsi totalmente fra i suoi meandri.

---
La recensione De Rapage - Recensione - Droga E Puttane di Giandomenico Piccolo è apparsa su Rockit.it il 20/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati