04/11/2015

Elegante, fluido e minimale, Luskaet è un giovane producer che si muove agilmente nell’elettronica preferendo strade ambient e tramonti chillout, sottolineando percorsi emozionali incisivi e guarda le luci, restano sempre soffuse. “For You” ha il tocco dreamy di dolcissimi vocalizzi campionati, “Popule” è un abbraccio triste come l’ultimo, e per questo è pure il più intenso, ché prima di dirsi addio tutto sembra vivere più forte. “Clochard” è un’inquietudine sintetica in cui si rimane bloccati, “Vinegret” il brano che sperimenta di più, tra suggestioni orientali e un beat ipnotico che creano il momento più luminoso dell’ep.

Seconda produzione a brevissima distanza dalla prima, “Youck” colpisce per la volontà, la motivazione, l’attenzione posta nelle cose, e questo fa di un uomo che lavora con una macchina la parte essenziale del progetto. Interessante.

---
La recensione luskaet - Recensione - Youck EP di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati