Stèv Beyond Stolen Note 2015 - Elettronica

Disco in evidenza Beyond Stolen Note precedente precedente

Un lavoro equilibrato di elettronica contemporanea, tra estetica giapponese e oscurità da squarciare

Lo stile non è poi così originale. L'elettronica contemporanea di Stèv qui in Italia ha attecchito da tempo e fa registrare spesso risultati interessanti. Ma "Beyond Stolen Note" ha comunque un suo perché. Si tratta infatti di un lavoro molto equilibrato nella realizzazione, in cui sono le mezze tinte a determinare l'andamento dei suoni. Prendiamo il pezzo iniziale, "Hiraku": è un breve brano di folktronica aggiornata alle ultime tendenze, con una chitarra dolente e una drum machine scheletrica a riempire tutto con poco. Siamo dalle parti di Machweo, per intenderci: musica casalinga per cuori solitari. "Hills Are Floating" ha un approccio un più vicino al primo Yakamoto Kotzuga, con il quale condivide una passione per l'estetica giapponese e un'oscurità che non aspetta altro che essere squarciata da chitarre in loop e sample vocali non invadenti. "Kodama No Matsuri" ha una confezione moderna, con un gioco di beat accelerati e un filo di tristezza che si insinua tra i fraseggi sbarazzini di synth. Stèv dunque realizza canzoni raffinate e piacevoli da ascoltare. E di notte, con gli auricolari nelle orecchie e la città davanti agli occhi, anche i pensieri peggiori si ingentiliscono.

---
La recensione Beyond Stolen Note di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2015-09-21 09:30:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO