container47 s/t 2003 - Rock

precedente precedente

Accipicchia! Intitolare un brano che dura un 1:35 “White aspirin on asteroidal asychonism to belch gnawing path away” dimostra un certo gusto alla presa per il culo tipo Sod. Ma i Container 47 non hanno nulla a che vedere con il side-project thrash dei Mod con il pazzo Billy Milano alla voce.

Qui troviamo una spremuta del dark più cupo alla Bauahus e parecchio spirito rumoristico della nuova specie - tipo quello dei nostrani R.U.N.I. di “Ipercapnia in capannone K.” - e, a parte i titoli assurdi, suona proprio bene questo quartetto. Nelle linee di basso spesso ricordano i Cure della prima parte degli anni ’80 (l’incipit di “Nucleiform introversion” sembra una delle out-take del mega cofanetto di b-side appena edito dalla band di Robert Smith) mentre la follia da un minuto e mezzo e dal titolo chilometrico (e assurdo) di cui sopra, si rivela come un dissonante jazz stralunato e rumoristico che pare Enzo Rocco in acido con un distorsore attaccato alla chitarra che non sa come spegnere.

---
La recensione s/t di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2004-03-21 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia