Microguagua Grandhotel Cosmopolis 2015 - Rock, Reggae, Punk

Grandhotel Cosmopolis precedente precedente

Buon compromesso tra reggae music e distorsioni pesanti. La sensazione, però, è che dal vivo renda molto di più.

Il “Grand Hotel Cosmopolis” – oltre che in bella vista sulla cover del nuovo album del gruppo – i Microguagua ce l’hanno nel dna: sei musicisti di quattro nazionalità diverse non potevano che dar vita a un progetto crossover, che per l’occasione miscela il cantato in spagnolo e i tratti fondamentali del reggae con alcuni elementi più spiccatamente rock. Devo ammettere che con il sestetto non è stato amore a primo ascolto: vuoi per la mancanza di un vero e proprio singolo di spicco, vuoi per un amalgama degli strumenti non sempre ben definito. I successivi replay, però, mi hanno messo di fronte una manciata di buoni motivi da cui poter partire per rivalutare il disco. Innanzitutto la chitarra solista: i riff ora pacati ora distorti, così come gli assoli, sono inseriti con gusto e anche quando i Microguagua inzuppano il ritmo in levare nell'hard rock (“Cara a Cara” su tutte) la sei corde ne esce a testa alta.
Ciò che ha dato uno scossone alla mia diffidenza iniziale, però, è la sensazione che “Grand Hotel Cosmopolis” dal vivo abbia una faccia decisamente più accattivante di quella legata al formato fisico o digitale che sia. “ACAB”, “So Run” e soprattutto “This Land Is Your Land (segunda parte)” sono delle mine qui forse inesplose, ma sono pronto a scommettere che live fanno la loro gran figura. Ipotesi a parte, l’ultimo album del sestetto d’adozione catalana sembra un buon compromesso tra reggae music e distorsioni pesanti. Non mi ha fatto impazzire ma, cosa importante, non mi ha lasciato affatto un brutto ricordo. Ripeto: ci sarebbe da vederli suonare per poter chiarire ogni dubbio, in ogni caso il consiglio è di riuscire a trovare un buon equilibrio per trasportare in cuffia quell’entusiasmo e quell’energia fortemente legati alla cultura busker.

---
La recensione Grandhotel Cosmopolis di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2016-04-04 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO