01/04/2016

Difficile non farsi trasportare dall'energia e dalla potenza del gruppo lucchese ormai alla terza fatica discografica. Il livello è alto sotto ogni punto di vista. L'album suona infatti molto curato: musiche,testi e veste stilistica. La band crea la propria dimensione punk, pescando anche fra grunge, rock alternativo e punk-hardcore. La miscela di questi elementi è gestita bene e crea un grande equilibrio fra le varie facce del disco. Difficile credere che nessuna canzone presente in questo "Thirty tree" abbia raggiunto vette di notorietà più significative. Una nota strana è la divisione del lavoro fra una parte cantata in inglese e l'altra invece in italiano; questo strappa a metà l'album che all'inizio si avvicina a realtà d'oltreoceano fra gli Hives e gli Weezer per poi prendere una dimensione completamente diversa nella seconda parte. La prima ha un impatto più diretto e facile, mediato dalla lingua inglese che ammorbidisce un po' il suono del gruppo, al contrario la parte cantata in italiano è molto più incisiva e ruvida, molto più vicina a derive punk-hardcore, spoglia di quell'aria di festa sulla spiaggia che si respira nei primi pezzi anche a causa della musica che oltre al fattore linguistico suona più rude e potente; in "All'infinito" si vede far capolino l'ombra di gruppi come Il Teatro degli Orrori nell'interpretazione vocale e la conclusiva "Solido" sembra un pezzo degli Skruigners di "Finalmente vi odio davvero". I testi della parte italiana sono tutti introspettivi ed evocativi, focalizzati su disagi e disperazioni interiori e danno al gruppo una profondità più oscura ma sicuramente più originale e accattivante. 

Un lavoro sincero e di forte impatto; non si può parlare di capolavoro ma sicuramente un disco interessante, scorrevole, scritto e impacchetatto benissimo,per quei giorni di pressione bassa in cui non si farebbe altro che dormire può essere usato come eccitante naturale al vetriolo.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati