12/04/2016

Da cover band a gruppo che compone inediti il passo è breve e dovuto, quando si ha da sempre una spiccata propensione alla ricerca e all'originalità. All'alba del decimo anno di attività, gli Hotel Monroe firmano “Alchemica”, extended play d'esordio autoprodotto dai musicisti parmensi.
Il perimetro artistico entro il quale vivono le sei tracce proposte da quest'ascolto è riconducibile ad un alternative rock ponderato ma aperto a nuovi influssi, incupito in alcuni frangenti da un mood dark che viene sapientemente centellinato: ne risulta un sound orecchiabile, mai invadente e capace di gravitare fra dinamiche originali e passaggi che riconducono al sound “storico” di gruppi rock come Litfiba. La scelta del cantato in lingua italiana favorisce una chiara interpretazione e l'empatia verso testi che sono metafore di vita, di scelte ed evoluzioni che hanno plasmato l'attuale realtà degli Hotel Monroe; il congedo è affidato ad "Heva", brano convincente, dai ritornelli coinvolgenti e aperto a influssi electro-digitali.
Un assaggio organico che apre la strada ad una prova sulla lunga distanza: il gruppo ci sembra pronto ed artisticamente maturo per pubblicare ulteriori produzioni discografiche, dove si potrà spaziare e sperimentare allargando sempre più l'orizzonte.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati