30/06/2016

Come la felicità nelle piccole cose, i DAAM riescono a concentrare in quattro brani l’essenza del loro spirito sperimentale. Un trio che fa dell’avanguardia un concetto cardine, del tentare e giocare coi suoni un atto di fede, della necessità di esprimersi un fondamento su cui costruire musica davvero personale. Dalle atmosfere jazz e piene di calore emotivo di “Tokyo Prelude” si passa all’elettronica raffinata di “Middle Age Moon”, impreziosita dal featuring di Tight Eye e da carrellate hip-hop che scivolano tra beat incisivi. “Kaleidoscopic Dolak” è la tensione di una notte che si fonde con prospettive afrobeat, “Endless Belcanto” è una poesia che racconta di sogni trip-hop e suggestioni dreamy, per aprirsi a un recitativo teatrale e chiudersi poi, di nuovo, nelle nuvole e nelle morbidezze che già conosceva.

Un esordio che promette tanto e fa assaporare gusti molteplici e interessanti: c’è da perdersi e c’è da farlo con piacere, nell’attesa di ascoltare nuovi pezzi per vedere come si svilupperà questo progetto seducente.

---
La recensione DAAM - Recensione - Technicolor Kabuki di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 23/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati