Civi Memories of a dirty monkey 2017 - Rock, Pop, Britpop

Memories of a dirty monkey precedente precedente

Un album che si tuffa nel mare del pop rock da British Invasion, ma rischia a volte di affogarci dentro.

Un artista che scrive, compone e arrangia tutto l'album, si chiude in studio e si gira uno alla volta tutti gli strumenti e i microfoni del multitraccia, delegando solo la batteria, potrà anche avere pochi amici musicisti, sicuramente  potrà permettersi di non doverci litigare per trovare compromessi. Non so se Gabriele Civitaresi, in arte Civi, abbia pochi amici musicisti, sicuramente "Memories of a dirty monkey" è un disco che segue un'idea stilistica molto precisa, forse troppo precisa. 

Siamo davanti ad un album che raccoglie quanto può dalla tradizione della british invasion e degli anni '60, dai Beatles con gli abitini grigi e dai quattro microfoni dei Mamas & Papas. Il risultato è un disco pop rock ben riuscito, con l'intenzione di ricreare quelle atmosfere con un suono più contemporaneo. Divertente l'inizio con "Figured it out", una delle più riuscite dell'album, insieme a "A better world" e "Another guy" dove la voce gioca con se stessa evitando l'emulazione fine a se stessa e donando invece ai brani un punto di forza. "Spanish Girl", unica non composta dal solo Civi peraltro, spezza un po' il ritmo e alleggerisce una successione di brani alla lunga un po' ripetitivi. 

Civi porta avanti un'idea sicuramente affascinante e nel complesso ben eseguita, ma entra in un territorio molto pericoloso nel prendere a modello i Beatles e l'ambiente musicale che ha forse influenzato di più altri musicisti nella storia. L'avere così tanti termini di paragone con questo album porta a non perdonare "Memories of a dirty monkeys" per un inglese un po' sbavato, brani che tendono ad assomigliarsi senza che qualcuno spicchi in maniera particolare e dei suoni forzatamente vintage che risultano quasi finti, dalla precisione delle batterie alla "pulizia" della distorsione nelle chitarre, e che tolgono spessore e carattere al disco.

---
La recensione Memories of a dirty monkey di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2017-11-16 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • civi 3 anni Rispondi

    Ho aspettato tanto prima di commentare. Ho fatto passare diversi mesi.
    Ho necessità di ribattere.

    Questa è l'unica recensione che ho ricevuto del mio album e mi sono dovuto beccare una recensione da un neofita del mestiere.

    1) Grandi della musica hanno inciso interi album da soli. Da Paul McCartney, a Prince, Stevie Wonder... solo per citarne alcuni. È un punto di forza e tu lo hai messo in secondo piano dicendo "non ha amci". Mi sembra molto sminuente.

    2) Dalla recensione mi fa capire che dopo "Spanish Girl" non sei andato avanti ad ascoltare. I brani che vengono dopo sono molto diversi e particolari.

    3) Se avere delle batterie precise, suonate da un professionista (Federico Paulovich dei Destrage, mica pizza e fichi), è uno svantaggio... beh allora la prossima volta chiamo uno scarso a suonare nell'album. E farò anche delle chitarre suonate peggio con dei suoni peggiori.

    In sostanza, questa recensione mi sembra eccessivamente sminuente per un artista che ha fatto tutto da SOLO, non professionista e alle prime armi in campo di registrazione.

    Mi spiace che RockIt mi abbia assegnato una persona che è altrettanto alle prime armi nel recensire i dischi.

    Saluti,
    Gabriele Civitarese (e non Civitaresi come riportato nella recensione)