28/08/2017

Mine musicali da Trieste. I Welcome Coffee tornano di prepotenza sulla scena con "The Mirror Show", un ep crepitante di un rock lunatico che si muove tra progressive e sonorità più pesanti.

Cinque furiosi pezzi segnano il ritorno dei Welcome Coffee. Un lavoro dai ritmi serrati che inizia con l'eclettico funk della traccia d'apertura che da il nome all'intero disco, per poi sporcarsi, arrabbiarsi, andare su di giri con "Doppelgänger", brano omaggio alla ricomparsa sugli schermi della celebre serie tv di David Lynch, Twin Peaks. I toni e le atmosfere si calmano e si fanno quasi più malinconici con "Come potevo", elettrica e passionale ballata.
Si cambia decisamente marcia con "116", brano sperimentale dalla durata di 116 secondi in cui una morbida elettronica avvolge uno scacciapensieri, campane tibetane, chitarre e voci distorte.
"Notte araba" mette un punto a questo nuovo capitolo della band triestina con i suoi suoni ruggenti e a tratti vagamente orientaleggianti.

I Welcome Coffee dimostrano ancora una volta di saper fondere sonorità diverse e di saper passare da un genere all'altro con abilità.
"The Mirror Show" è una bomba di autentico rock made in Italy, dall'approccio internazionale.
Cinque mine non bastano: ne occorrono molte di più per far saltare in aria la scena del rock nostrano. Le aspettiamo con trepidazione.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati