11/10/2017

Servono tre ascolti per comprendere come questo "Timeless" dei seaofsin sia un'operazione, piuttosto decisiva e massiccia, di certi suoni, stilemi e stili dell'elettronica dei primi anni '90. Ora tralasciando il giudizio di merito sulla bontà o meno di quella stagione artistica e musicale una domanda sorge spontanea: perché? E non tanto perché riesumare uno stile un po' perduto dai radar della musica che conta, quanto farlo nel modo filologicamente ultrafedele dei seaofsin. La domanda è lecita perché ci si chiede che senso abbia riproporre senza innovare un minimo un qualcosa di già sentito, di già visto e di, va detto, già largamente assimilato dalla stragrande maggioranza dell'ambiente artistico.

La musica di questi anni è così bella e divertente perché è come se fosse riuscita ad annullare in un baleno ogni tipo di gap temporale: questo "Timeless" invece è come ce ci facesse ripiombare indietro nel tempo, facendoci scoprire tutte le nostre rughe e acciacchi collezionati negli anni. E no decisamente nessuno ama scoprire una borsa sotto gli occhi no? Figuriamoci tre volte consecutive.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati