09/03/2018

Un diorama è un'ambientazione in scala ridotta, una miniatura di qualcosa che esiste davvero, un simulacro finzionale. L'etimologia, greca, vuol dire letteralmente "vista attraverso" e pare sia Louis Daguerre (lo stesso ad aver inventato il dagherrotipo, appunto, una prima forma di fotografia) il suo inventore più accreditato. Oggetto della ricerca di Daguerre è sicuramente allora la realtà, ma non soltanto: imparare a simularla, a riprodurla, a fingerla. Kabo ci presenta allora un testo (certamente nel senso più esteso del termine) che si approccia al lettore ricordandogli come quello di cui sta fruendo è qualcosa che può ambire, al massimo, alla verosimiglianza. Questo profondo distacco dunque tra realtà e opera viene inseguita per l'intero progetto, dai nomi fatti nelle strofe di "Diorami" agli argomenti trattati: tutti fortemente privati, intimi.

Prodotto in collaborazione con Berkana, "Diorami" non suona affatto come un disco rap: certo, ci sono le rime e le contaminazioni (neanche troppo velate) di un certo tipo di trip hop nelle batterie, ma poi sono gli archi e soprattutto le chitarre ad essere veri protagonisti delle produzioni. Nessun campione, soltanto arrangiamenti originali, per un disco e una penna che padroneggiano anche molto bene gli stilemi del rap ma si spingono ben oltre il limes che divide questo genere dal cantautorato. Una commistione che funziona.

 

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati