One Giant Trip One Giant Trip 2018 - Rock, Psichedelia, Alternativo

One Giant Trip precedente precedente

L'alternative rock guidato dal sax dei One Gian Trip riporta dritti verso un stile di qualche decennio fa che adesso, senza giustificazioni, non risulta più eseguito.

Ispirarsi ad un alternative rock come quello così acido e paradossale dei Morphine è ad oggi un grande esempio di inusualità oltre che originalità stilistica per una band alle prime produzioni come i One Giant Trip.

Sassofono quindi protagonsta indiscusso dal punto vista strumentale in queste quattro tracce dell'omonimo EP di apertura discografica per la formazione lombarda. Ritmiche di basso semplici ed acide, chitarra elettrica inizialmente presentata con ritmica minimalista fino all'attacco della seconda parte della traccia "Trevor" dove, dopo un'introduzione nervosa dei fiati, le distorsioni diventano hard rock ed il cantato tanto alternative anni '90. Questo cambio di passo improvviso può dimostrare come quanto lo stile degli One Giant Trip sia acerbo ed ancora inesploso. Ne risulta una conferma il pezzo successivo "Flight Simulator" dove la composizione strumentale sembra rimanere quasi fino al termine soffocata nonostante il groove deciso delle percussioni. "Once Again", traccia di chiusura di "One Giant Trip", racchiude tutti i punti salienti delle precedenti canzoni lasciando però l'ascoltatore ad un finale prematuro e un po' troppo brusco oltre che inatteso.

Il raro e stupefacente rock dei Morphine ha bisogno di vivere ancora e per un'altra volta di più. Gli One Giant Trip, seppur ancora non suscettibili di un giudizio pieno e completo, meritano, per la loro scelta stilistica, un enorme grazie.

---
La recensione One Giant Trip di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2019-04-08 23:58:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
IL TUO CARRELLO