26/10/2018

Movimenti new wave e attitudine dark, espressioni minimali e dosi massicce di malinconia eighties per un album intriso di memoria e legato al passato in maniera lampante: “Collection of Shadows” è, proprio come racconta il titolo, una raccolta di ombre provenienti direttamente da un retaggio lontano. Un sound derivativo e sintetico che pesca a piene mani negli anni oscuri di Sisters of Mercy, Cure e compagni per disegnare brani che non riescono a suonare attuali, né particolarmente personali.

Dall’apertura tesa di “Suspended in the Void”, passando per le passeggiate autunnali tra drum machine e tormenti di “Skeletons are Dancing”, le nevrosi notturne di “Acid Man” e le litanie industrial di “Moderate”, fino alla chiusura affidata alle onde e al limbo elettronico di “Black Ocean”, gli European Ghost realizzano un lavoro tutto sommato non sgradevole, ma che sembra solo un omaggio al tempo che fu, privo di una presa originale e fuori contesto rispetto alla musica contemporanea. Nulla di male nel celebrare le radici, ma non riesco a comprendere la necessità di un disco simile nel 2018.

---
La recensione European Ghost - Recensione - Collection of Shadows di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 22/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati