07/01/2019

Mettiamola subito così: Grandine mente - e non benissimo. Tentativo del nostro, con questo "Origami", è venderci un po' di tristezza e nostalgia. Il problema è che non tutto va come dovrebbe: i suoni sono quelli che da qualche anno vanno ben di moda, chitarre in alcuni momenti, batterie sincopate in altri - proprio a voler strizzare l'occhio al pubblico indie e trap in un solo momento, e alle varie community online che si credono tanto cool.

L'album è interamente prodotto dallo stesso Grandine e questo è certamente una nota di merito personale, ma non per questo suona meno scontato. Proprio come impersonali e già sentiti suonano i testi, le linee vocali, i flow. Cliché dopo cliché il disco si trascina per circa una mezz'ora. Non ci siamo.

Tracklist

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati