05/03/2019

Un elaborato piccolo ma al tempo stesso prezioso, quello pubblicato dal musicista classe '96 Pietro Giay: il suo mini-ep autoprodotto si intitola “Cosa a tre”.


Fin da subito si esplica, quindi, il groviglio di vite e musica che segna la genesi delle tre canzoni, ognuna intitolata con nomi di persona (due femminili, “Anita” e “Sophia” ed uno maschile, “Pablo”): il sound ripercorre la scia di un cantautorato folk ormai robusto in Italia, impreziosito da riverberi e percussioni di richiamo swing e western mai invadenti, perché in primo piano c'è sempre la voce del torinese Pietro e le storie che racconta.


Scavando nei testi, qui e lì è possibile scoprire qualche riferimento biografico, perché forse questa trinità terrena non è altro che la multisfaccettata personalità di chi firma le canzoni, oppure semplicemente tre anime che si incontrano chissà dove. È certo, invece, che solo tre canzoni lasciano ancora tanto appetito per le prossime portate. Menzione d'onore alla maglia dei Peter Punk indossata dall'artista nel videoclip di "Sophia".

---
La recensione Pietro Giay - Recensione - Cosa a tre di Giandomenico Piccolo è apparsa su Rockit.it il 23/07/2019

Tracklist

00:00
 
00:00

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati