26/05/2019

Glom!?!”, dei beatmaker foggiani Clownfish, parte malissimo. L’impatto con “Sebo”, la prima traccia del disco, rivela una estrema voglia di sperimentazione che però finisce per non portare da nessuna parte, una confusione che disorienta e non stimola. Se anche la seconda traccia non convince pienamente, dalla terza in poi le cose cambiano e decisamente in meglio: “Metro tram Amsterdam Centrale” è uno dei pezzi più convincenti del disco, e assieme a “Multipad intro (il buio ha bussato alla porta)” costituiscono due begli esempi di atmosfere oscure e lievemente paranoidi, innervate da luci neon, che i nostri dimostrano di saper costruire. Interessante anche “Il reggiseno”, in cui un basso bello corposo fa l’amore con schegge sonore direttamente all’iperspazio, dando vita ad un trip interdimensionale piuttosto coinvolgente. Il trend positivo prosegue poi per tutta la seconda metà del disco, per arrestarsi forse soltanto sull’epilogo, “Mschestitnupocfrktperò”, eccessivamente lungo e dispersivo.

A conti fatti, “Glom!?!” è un disco che porta alcune idee e intuizioni valide, alle quali vale la pena dedicare del tempo con un ascolto.

---
La recensione Clownfish - Recensione - GLOM!?! di Davide Bonfanti è apparsa su Rockit.it il 19/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati