12/07/2019

Bosco”, secondo disco del cantautore Nicola Lombardo, è una prova tangibile della maturità che questo artista è già riuscito a raggiungere nonostante la giovane età. Si tratta di un album abbastanza in linea con le sonorità dell’attuale panorama indie-pop italiano, con richiami al primo Cosmo (quello pre-Ivreatronic, per intenderci) e alla parte più synth-pop de I Cani. I tastieroni e i quattro quarti la fanno musicalmente da padroni, costruendo un background solido e gradevole, sul quale Lombardo ricostruisce con fedeltà le varie sfaccettature della vita quotidiana di un venticinquenne italiano: gli scazzi per un amore lontano, i momenti di dubbi e di tensione, ma anche gli episodi più divertenti (“Friendzone”) che ognuno di noi si ritrova a vivere ogni giorno.

Proprio i testi delle varie canzoni sono la componente del disco che testimonia maggiormente l’estrema cura dedicata a questo lavoro: pur trattando argomenti ormai totalmente spolpati da quasi un decennio di itpop, Lombardo riesce a filtrarli attraverso la propria prospettiva, dandocene una accattivante interpretazione personale che non risulta mai banale.

Un disco piccolo, anche nella durata (poco più di mezz’ora), ma che lascia intravedere grandi cose per il futuro.

---
La recensione Nicola Lombardo - Recensione - Bosco di Davide Bonfanti è apparsa su Rockit.it il 18/07/2019

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati