The Metaphysical Box Shamans of the Soundscapes 2019 - Sperimentale, Psichedelia, Ambient

Shamans of the Soundscapes precedente precedente

Un abbraccio simbiotico tra musica e natura capace di creare un microcosmo sonoro fatto di suggestioni e ambientazioni

Shamans of the Soundscapes” è l'esperimento musicale messo in piedi dai Metaphysical Box con l'obiettivo di unire musica e natura. Non un incontro accidentale ed estemporaneo, ma un saldo e duraturo matrimonio, un abbraccio simbiotico in cui gli elementi si fondono l'uno all'altro diventando una cosa sola.

Una proposta interessante e non di così semplice realizzazione: non tanto nel senso pratico della cosa, che pure ha il suo fascino esotico (la band ha suonato live sulle colline accanto ai laghi di Bracciano e di Martignano, a nord di Roma, all'interno del parco naturale, in una sessione serale di improvvisazione), quanto più nella riuscita della proposta musicale, capace di creare un microcosmo sonoro fatto di suggestioni e ambientazioni, alternando sensibilità diverse e non appesantendo mai il terreno, lasciando aperti spiragli e possibilità in grado di incuriosire sempre l'ascoltatore. Non un elemento banale, se consideriamo che le quattro sessioni che compongono "Shamans of the Soundscapes" durano dai dieci ai ventidue minuti.

Tra giri di basso e ronzii, chitarre distorte e dilatate e canti di uccelli, sintetizzatori e fruscii, gli strati si sovrappongono in sintonia mentre la natura scopre l'uomo, la tecnologia, il futuro. Una relazione armonica e di rispetto reciproco da cui prendere spunto per un diverso rapporto con quello che ci circonda.

---
La recensione Shamans of the Soundscapes di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-01-03 10:49:31

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia