Alèfe Hidden Chamber 2020 - Sperimentale, Elettronica, Dance

Disco in evidenzaHidden Chamber precedente precedente

Mollate gli ormeggi, con Alèfe si sale a bordo dello SpaceX

Fate una roba, ve lo consigliamo di cuore: andate direttamente al pezzo numero sette, pigiate play e mollate gli ormeggi. Infatti proprio con "Fort The Night", per quei suoni agglutinanti e dannatamente perfetti, che si può capire, in un battito di beat elettronici, la grandezza di Alèfe e del suo "Hidden Chamber". Dal canto nostro è da un pezzo che sosteniamo la bontà del progetto musicale del producer di base a Londra come del resto conferma quest'intervista realizzata in tempi non sospetti. 

Tuttavia è nell'interezza del suo disco che si possono carpire tutti i motivi della grandezza di Alèfe. Innanzi tutto il producer è in grado, al tempo stesso, di toccare tutte le corde giuste della musica contemporanea, donandoci un disco che suona veramente internazionale e al passo con i tempi, al passo con la musica sperimentale certo ma pure sufficientemente pop per essere carpita da un pubblico un pelino più vasto dei soliti aficionados del clubbing.

Tuttavia il musicista fa sempre un passo in avanti e detta di questa assonanza con la grande musicale c'è poi la sua ricetta personale che praticamente in ogni pezzo viene fuori con la forza delle note e la possanza dello stile. Una traccia come "Shake That Dog", ad esempio, non la tiri fuori se non dopo anni di studio e di ricerca dal punto di vista delle sonorità. E così, esattamente a metà strada tra il grande suono del mondo e le proprie vibrazioni del cuore, Alèfe veleggia, sospeso nel firmamento dei grandi nomi da tenere occhio per gli anni futuri. Rimanete a guardare le stelle: chissà che non saliate anche voi su questa versione musicale dello SpaceX di Elon Musk? 

 

---
La recensione Hidden Chamber di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-06-08 08:15:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia