Alberto Nemo Atlante, la tara e la musica pesante 2020 - Trip-Hop, Psichedelia, Trance

Atlante, la tara e la musica pesante precedente precedente

Ennesimo capitolo Nemo. Qui troviamo una sensuale danza degli opposti tra ritmi salentini e melodie mistiche

Gli ipnotici ritmi della musica popolare salentina, enfatizzati da strumenti tipici, esotici e inconsueti, sono sedotti e infine trascinati verso oscuri sentieri dalla vibrante voce di Alberto Nemo, mistico traghettatore lungo le acque dell’ignoto in questo “Atlante, la tara e la musica pesante”, il nuovo viaggio sonoro in cui ci proietta il fecondo cantautore rodigino, a distanza di pochi giorni dalla sua precedente uscita discografica. L’artista, che si sta rendendo artefice di un’opera dalle colossali dimensioni (questo è il suo ventisettesimo album, quindicesimo se contiamo solo le uscite di quest’anno), suggella con questo album uno degli episodi più ammalianti e travolgenti del suo frenetico percorso. Trasponendo in musica la fusione ideale tra elementi opposti, dal cui incontro e passionale scontro si generano fiamme creative, il nostro dà infatti vita ad un lavoro su lunga distanza che trascende i limiti stessi di Nemo (il cui “stile Nemo” tendeva a diventare talvolta un po’ ripetitivo) e ne mette in luce una sensualità prima assopita o raramente appena accennata.

“Atlante, la tara e la musica pensante” si nutre continuamente dell’energia sprigionata dalla spirale ipnotica in cui si fondono maschile e femminile, forza fisica e intellettuale, Oriente e Occidente, ritmo e melodia, cielo e terra, sacro e profano… generando 8 tracce dalla potenza magnetica, che liberano l’istinto come nell’estasi dei sensi provocata dalla taranta e contemporaneamente esorcizzano i mali della razionalità.

Attendiamo di comprendere appieno dove l’artista stia puntando con questa mastodontica mole di lavori sfornarti uno dopo l’altro, ma intanto possiamo affermare che questo disco è tra quelli che ne elevano di certo la caratura.

---
La recensione Atlante, la tara e la musica pesante di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-06-07 12:18:41

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • MayDayArte 11 mesi Rispondi

    Il sole brilla più intenso dopo la notte. Grande Alberto., bellissima collaborazione con Gioele Nuzzo.