Elite Collapse Darq Days 2020 - Indie, Elettronica, Pop rock

Darq Days precedente precedente

Un’occasione mancata per sonorizzare su funzionali registri rock-elettronici il “collasso dell’elite” nell’era digitale.

Utopia o semplice auspicio che sia il “collasso dell’elite” nell’era digitale rimane tutto sommato, almeno sulla carta, un concetto affascinante che non può non evocare futuribili scenari distopici, o quantomeno destabilizzanti, anche a livello espressivo/artistico, musicale in primis. È dunque un vero peccato che gli Elite Collapse non riescano a capitalizzare al meglio questa loro ispirazione laddove finiscono per schiacciare il loro rock-elettronico tra le frequenze di un future-pop più o meno turbolento.

Alla fine sarà un po’ come aspettarsi una scaletta in odor di N.I.N per poi ritrovarsi ad ascoltare una versione decisamente più acidula e sconclusionata dei Placebo (Look At The Stars, Dust To Dust e Till The Morning Lights), con alcune aderenze occasionali ai Goose nei frangenti elettronicamente più battenti o ai Muse in quelli più involontariamente confusionari. Se le convulse chitarre post-punk svolgono un lavoro più che dignitoso (Destroy su tutte) la voce purtroppo non lascia certo il segno quanto a timbrica, espressività, tecnica e versatilità, a tal punto che il brano più credibile del lotto finisce paradossalmente per essere la deriva cosmica tutta strumentale di OutroX in chiusura disco .

---
La recensione Darq Days di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2020-10-08 13:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia