< PRECEDENTE <
album Meduse - Silvestro Perri

recensione Silvestro Perri Meduse

2020 - Cantautoriale, Rock, Elettronica

RECENSIONE
19/11/2020

Sperimentazione è la parola chiave di Silvestro Perri e del suo “Meduse”. I quattro brani che compongo l’ep infatti raccontano di un artista privo di pregiudizi e aperto alle contaminazioni, alla ricerca della propria, personale identità.

Il punto di rottura più evidente è quello che si consuma tra il cantautorato moderno e disincantato dei tre quarti del lavoro e le aperture decisamente elettroniche di “Crazy”, che vira verso una direzione inaspettata e decisamente poco conforme: una libertà artistica che se da un lato appare poco coerente con il resto, dall’altro mostra livelli diversi di complessità e la capacità dell’artista di misurarsi con ispirazioni creative diversificate.

Per il resto “Meduse” mette in luce una scrittura viva e coinvolgente che si esprime attraverso sonorità dilatate e atmosfere oscure: la title track, probabilmente il pezzo più convincente, la malinconia disillusa di “Raniero” e le sperimentazioni sonore di “Senza” incuriosiscono e lasciano immaginare quello che potrebbe essere.
Un assaggio interessante lascia ben sperare: per un giudizio completo però, lo attendiamo a misurarsi con un disco vero.

Tracklist

Ascolta su: Apple Music Amazon Music Tidal
00:00
 
00:00
Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Chi ha letto questa recensione ha visto anche:
    > PROSSIMA >
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    La musica più nuova

    Singoli e album degli utenti, in ordine di caricamento

    vedi tutti
    Cerca tra gli articoli di Rockit, gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani