Marongiu & I Sporcaccioni Aspettando Romolo 2021 - Rock'n'roll, Punk, Garage

Aspettando Romolo precedente precedente

Approccio creativo finalizzato ad immergere l'ascoltatore nel quotidiano della provincia di Gorizia, un album in dialetto che è fiero rappresentante di tutto quello che non vuole ricondurre alle hit da classifica.

Dilettantisti che prendono gli impegni con una certa serietà, Marongiu & I Sporcaccioni approcciano il nuovo decennio (il terzo d'attività per loro) pubblicando un nuovo disco, in squisita linea di continuità col discorso artistico maturato fino ad ora: il risultato è “Aspettando Romolo”, long play pubblicato in piena estate.

Sono quattordici i brani (comprensivi di un remix) che alimentano la produzione in dialetto bisiaco dei musicisti provenienti dalla provincia di Gorizia: tra blues e sferragliate garage-punk, si innestano racconti di vita quotidiana fatta di piccole cose e riti a cadenzare lo scorrere del tempo. Complice la scelta linguistica del vernacolo rispetto alla lingua nazionale (presente solo in due brani) l'immersione in questa porzione d'Italia si rivela completa e concreta, restituendo uno spaccato caratterizzante di società e socialità. A condire di sapore l'operazione complessiva, la capacità di Marongiu e dei suoi sporcaccioni di rendere tutto più irriverente, politicamente scorretto quanto basta per evitare di risultare insipidi, con punte di sboccature ponderate chirurgicamente.

Un disco orgogliosamente in dialetto, un album piacevole e suonato con perizia da gente che non ha imbracciato gli strumenti da una settimana (per usare un eufemismo): viva la musica plasmata con questo approccio all'arte, perché non tutto deve ricondurre alle hit da classifica.

---
La recensione Aspettando Romolo di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2021-09-16 09:54:19

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • Marongiu 34 g Rispondi

    @Peeter non era nostra intenzione allontanarti dal gruppo. É stata una condotta deprecabile a decretarlo.

  • Peeter 34 g Rispondi

    A dirla tutta "il ClaudioMarongiu", nel goffo tentativo di creare il personaggio di sé stesso, ci prova da anni con questo filone "trashpopular" ma, alla fine, non "jà fà" e, il suo, risulterebbe solo, ed inutilmente, uno sterile esercizio di autocelebrazione per un debito di referenzialità verso la società mai appianato che lo supporta e sopporta. Non si sa come i membri della band (il più delle volte, turnisti) si siano adeguati a quell'inutile, caco fonico, ripetitivi e volgare gracchiare.

    Dai, Claudio, provaci ancora! Noi provati lo siamo già.

    Besos 😘 dal...Brasil (per chi non lo sapesse, località tipica di Turriaco - Go)