25/10/2006

Nuvole rade e cielo tiepido, seduta sul solito sedile blu sintetico ascolto gli Ipnoteca, elettropop band lombarda che guarda ai Chemical Brothers tratteggiando linee più simili ai nostrani Subsonica. Dalle melodie morbide e primaverili di La radio, un pezzo da Festivalbar, si passa a tensioni e synth, qualche nota più cupa, rosso e nero. Tre tracce orecchiabili dove la doppia voce gioca bene, mentre la batteria in alcuni passaggi risulta statica e poco incisiva, tanto da farmi optare per la drum machine come unico sostegno ritmico, adatta al genere e più fluida. Il lavoro non è male, ma difficilmente si riescono a trovare spunti originali, preferisco una nota osé a banali trallallà; dunque un buon punto di partenza dal quale elaborare tracciati più personali, necessari per superare un certo piattume emozionale. Carucci. Per ora niente di più.

---
La recensione Ipnoteca - Recensione - Ipnoteca_2006 di margherita g. di fiore è apparsa su Rockit.it il 17/07/2019

Tracklist

Commenti (1)

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati