< PRECEDENTE <
RECENSIONE
02/05/2007 di Paolo Menin

I Sensazione. Un nome come questo sembra quasi ovvio per una band che ha deciso di entrare nel gotha delle band italiane ispirandosi a nomi come Afterhours. E riescono bene, premendo l’acceleratore del feedback si portano fino a sonorità hard rock. Ottime le parti cantate da Gabriele che si ispira a Manuel Agnelli e propone parti urlate a squarciagola durante i ritornelli e delicate nelle strofe. Il primo brano sfodera un'energia assolutamente ineccepibile. Le coinvolgenti melodie di chitarre e il basso groove scuotono fin dentro.

Nel resto del disco il sound pesante quasi metal è interrotto da piccole schegge elettroniche che introducono i brani. I testi tesi su un’idea di lucida follia (“le allucinazioni aumentano, vedo cose che gli altri non vedono”) si susseguono in un crescendo volto a degenerare nell’ultima traccia, la più elettronica, delirante e squilibrata.

Chi apprezza la musica italiana rock, per fare dei nomi, tipo Verdena oppure anche Marlene Kuntz si troverà di fronte a un lavoro melodico e potente e si domanderà come mai non si parla in giro dei Sensazione come delle band già citate. Hanno autoprodotto questo album in maniera impeccabile; pieno di umori densi, profondi, oppure distorti. E' un album emozionante. Mi auguro che raggiungano il consenso che meritano.

Commenti (3)
Carica commenti più vecchi
  • Sidera 07/05/2007 ore 14:05

    Da un primo ascolto, le sonorità sono molto + moderne rispetto ai citati marlene ed after.
    Rif tipicamente NUmetal. Direi HIGH GAIN!

    > rispondi a @sidera
  • SN004823S 22/05/2007 ore 18:41

    concordo, pur apprezzando le band citate nella rece credo che il resto sia piu' riconducibile a sonorita' d'oltreoceano...a parte la lingua utilizzata per i testi.....




    (Messaggio editato da SN004823S il 22/05/2007 18:42:26)

    > rispondi a @sn004823s
Aggiungi un commento:

ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
> PROSSIMA >