Sickhead Indhastria Failure 1999 - Metal

precedente precedente

Tornano i torinesi Sickhead, una band che già avevo avuto modo di elogiare su queste stesse pagine in occasione del feroce debut demo “Lies”, uscito poco più di un anno fa.

Sono sufficienti pochi attimi dell’opener In/sect per sprofondarci nel magma ribollente generato dai cinque. Un sound granitico screziato con voci (due) che ti raccontano tutte le miserie e le meschinità che si nascondono dietro la “civiltà” contemporanea… I Sickhead raccontano storie che già conosciamo, imbrogli che già altri hanno messo a nudo. Eppure vale lo stesso la pena di ascoltarli, perché la loro voce è arrabbiata e credibile e soprattutto perché quello che è stato detto finora non è ancora bastato a cambiare le cose.

Musicalmente è facile indicare termini di paragone nelle colate laviche di Machine Head e Fear Factory, ma i presupposti per costruirsi un’identità propria ci sono, speriamo che venga dato loro il tempo di maturare e realizzarsi.

Non mi è piaciuto l’attacco di Control(lo), dove i nostri si concedono l’unica divagazione lirica in lingua italica, cosa che non mi ha soddisfatto per niente. Per il resto la canzone scorre bene anche se dovendo indicare le mie favorite, citerei Shotgun e la conclusiva Jungle Beat #4.

La confezione è molto curata e i colori saturi si sposano alla perfezione con il suono delle chitarre, anch’esso saturo e pompato ad alta pressione attraverso i vostri timpani.

---
La recensione Indhastria Failure di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2000-05-21 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia