Francesco Giannico Je déchire l'ongle aux criminels 2007 - Sperimentale, Elettronica, Post-Rock

Je déchire l'ongle aux criminels precedente precedente

“Je déchire l'ongle aux criminels” è la prima “vera” uscita - le altre pubblicazioni erano disponibili solo in rete - per Francesco Giannico, in arte Mark Hamn. 7 tracce di musica ambientale/elettronica con qualche lieve accenno al post-rock. La maggior parte dei pezzi sono composizioni lunghe, lente, loop che si adagiano l’uno sull’altro, strutture che si sommano ad altre strutture, noise elettrici su distorsioni varie, glitch su landscape infiniti. Ci sono arpeggi di chitarra che si ripetono ciclicamente. Ritmi al silicio che si rompono creando frammenti sonori irregolari. E poi grandi aperture cinematografiche che possono ricordare qualcosa dei Labradford o alcuni dischi degli Oval. I brani più brevi sono eccessivamente sperimentali, troppo confusi e per questo convincono meno. Comunque sono solo pochi e ristretti momenti.

Nel complesso è davvero un ottimo disco. E’ evocativo, è melodico, è emotivo. E’ vario: le tante parti si completano tra loro regalando trenta minuti che vengono ascoltati e riascoltati senza annoiare. Una delle migliori cose che mi sono capitate tra le mani ultimamente. Consigliato.

---
La recensione Je déchire l'ongle aux criminels di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2007-08-31 00:00:00

COMMENTI (1)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • ceramiko 14 anni Rispondi

    Grande Francesco!