VentraStupide parole (single)2000 - Pop, Grunge, Elettronica

Stupide parole (single)precedenteprecedente

Ho riflettuto per circa un mese su cosa scrivere riguardo a questo esordio su major delle Ventra; più che altro mi sono chiesto il perché di questa produzione e di ciò che, inevitabilmente comporta promuovere una band del genere. Se è vero che 3 ragazze a suonare i soliti 3 strumenti colpiscono sempre, è anche vero che non sempre da quegli strumenti il ‘gentil sesso’ sia riuscito ad ottenere grossi risultati - almeno per quanto riguarda il rock ‘made in Italy’. E non saranno queste 3 piemontesi a farci cambiare idea su questa ‘deficienza’, pur se al contempo non neghiamo che il loro cd promozionale contiene buoni spunti (e sarei curioso di sapere se è tutta farina del loro sacco!).

Anyway… l’oggettino mangiato dal mio lettore fa sentire due pezzi: la title-track, brano con cui hanno vinto l’edizione di “Axe For Music ’99” è farcita di tracce di chitarra e campioni, ma non esalta affatto, sia per le liriche banali che per la scelta dell’arrangiamento ‘monotono’. La successiva Fragile, invece, sembra una session proveniente da Casa Sonica, il quartier generale di Samuel & co.. Allora leggi la cartella stampa e scopri che la produzione artistica è affidata a Marco “Cipo” Calliari, fonico dei Subsonica. A questo punto penso sia inutile spiegarvi il sound del pezzo… avrete già intuito la pasta!

Non mi rimane, perciò, che consigliare due cose alle ragazze:
a) fate in modo di lasciare nel cassetto Stupide parole e concentratevi sui suoni ottenuti con la seconda traccia del singolo per registrare le canzoni dell’album;
b) riscrivete la cartella stampa in maniera decente, evitando di darle la forma di ‘curriculum’ e pensandola, invece, come sintetico foglio informativo…

---
La recensione Stupide parole (single) di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2000-07-06 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento Cita l'autoreavvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussioneInvia