Cesare Basile Storia Di Caino 2008 - Cantautoriale, Rock

Storia Di Caino precedente precedente

Circa due mesi fa, all'uscita di un concerto di Paolo Benvegnù, incontro un mio amico, un grande fan di Cesare Basile. Mi dice che ha sentito su Myspace "Canto Dell'Osso" e che ad ogni ”mi hanno ucciso all'acqua di vento per tre piume di pavone" è scoppiato a ridere. Per lui non ha più senso, nel 2008, parlare ancora di caprai, di sacrifici e di pavoni. Precisa che non sa nemmeno com’è fatta una piuma di pavone. Non posso dargli torto.

In effetti i primi ascolti di “La Storia Di Caino” sono contraddistinti da questo pregiudizio: è un disco antico/anacronistico, del tutto incapace di descrivere gli anni che stiamo vivendo. La musica, però, mi piace molto: perlopiù calma, distesa, sognante, come se il suo unico compito sia contemplare e riprodurre la bellezza. Vengono quasi completamente abbandonati il rock desertico e i valzer acidi presenti negli album precedenti. C'è ancora l'ombra di De Andrè – si sentono i rimandi a "La Buona Novella" – ma anche quella sua forma personale che Basile, da "Gran Calavera Elettrica" in avanti, ha maturato.

Da subito le mie preferite sono “Sul Mondo E Sulle Luci", "19 Marzo" e “Per Nome”: tutte e tre dall’arrangiamento scarno, con la voce appoggiata al piano o alla chitarra e poco altro. Dopo si aggiungono "What Else Have I To Spur Me In To Love" – davvero bella - cantata da Robert Fisher dei Willard Grant Conspiracy. E “Maria Degli Ammalati”: un canto tradizionale molto confortante, è la giusta conclusione per un disco pieno di dolore.

Poi mi concentro sui testi: Caino è rabbioso contro Dio perché l’ha rifiutato – apparentemente – senza motivo. Cristo e la Samaritana. Gli agnelli/figli sacrificati. Il Naviglio. Storie vere e personaggi riconoscibili. Piccoli racconti passati/moderni. Si parte dal pozzo di Giacobbe e si arriva ai bar di Milano. Dove ci sono donne che Cesare ha amato e che adesso si pente di aver abbandonato o di aver allontanato. Un continuo cercare/chiedere la meraviglia e poi vederla andare via. E quindi la parola fede assume un significato diverso: riuscire a conquistare le cose veramente importanti e tenerle strette per stare – finalmente – bene.

Non si può rimanere insensibili a queste canzoni, che hanno una vita loro, che soffrono e si incazzano ed esigono attenzione (come Caino ha fatto con Dio uccidendo suo fratello). “La Storia Di Caino” è un disco umano. Racconta bene il nostro tempo, forse in maniera confusa – e ovviamente senza uno scopo storico/sociale - ma ci riesce. Non bello come "Closet Meraviglia" e molto più difficile di "Hellequin Song" ma certamente necessario per la carriera di Cesare Basile. E’ un altro ottimo album e lo conferma come una figura fondamentale del nostro cantautorato. Dispiace che non abbia ancora tutta la popolarità che si merita.

---
La recensione Storia Di Caino di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2008-05-05 00:00:00

COMMENTI (2)

Aggiungi un commento Cita l'autore avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia
  • sovietstudio 13 anni Rispondi

    Concordo.
    E grandi musicisti:arrangiamenti sublimi.
    Ciao Marcello!

  • enver 13 anni Rispondi

    massimo rispetto. e ogni disco è sempre migliore del precedente