Smog demo luglio 2000 2000 - Pop, New-Wave, Elettronica

precedente precedente

I bolognesi Smog ritornano agli anni '80 attraverso un percorso fatto di suoni sicuramente in sintonia con i tempi, ma fortemente debitori di quei gruppi elettropop che ora alimentano un ormai irrefrenabile revival. Le ritmiche sintetiche e gli intrecci di moog e chitarra fanno da sfondo ad un cantato decisamente tradizionale, appartenente al filone del rock italiano più classico. Ed è proprio questo, il canto, a costituire a volte il punto dolente. In Luci Ad Alta Quota ad esempio, con un'introduzione parlata che ci sembra piuttosto sopra le righe (anche nel testo fantascientifico) e decisamente fuori luogo, e altrove, a causa di una certa leziosità che fa capolino qua e là (Sognami, 30 secondi).

Non si tratta di un brutto demo, tenendo conto che segna una fase di transizione - il cantante Gabriele Paltrinieri è entrato da poco a far parte della band - ma ci sembra che gli Smog possano puntare più in alto, se lavoreranno ancora sui testi e sulla musica che, pur restando aperta a soluzioni interessanti, a tratti sembra incepparsi.

---
La recensione demo luglio 2000 di Scritto da Giulio Pons è apparsa su Rockit.it il 2000-12-15 00:00:00

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia