Riccardo Del Monaco e Alessandro De Angelis si sono conosciuti a scuola, al Liceo Cavour, durante l’occupazione studentesca: «Lui era nella sua classe con la chitarra a rifare alcune canzoni dei Led Zeppelin», ricorda Riccardo. «C’è stata subito intesa. La cosa che notai subito era la sua voce, piena di carattere. Partì un progetto in cui decidemmo di rifare le sigle dei cartoni animati, ma pochi mesi passammo al rock demenziale. Alcuni ex-studenti del Cavour ricordano ancora canzoni come "Fai merenda con sua sorella", o "Il profeta del sesso"». Dopo il liceo i due sono rimasti amici, anche se gli studi universitari hanno portato Alessandro a Barcellona e Riccardo a Strasburgo: «Di tanto in tanto ci si incontrava ed ognuno mostrava all'altro il proprio lavoro», ricorda Riccardo. «Io studiavo pianoforte al conservatorio e suonavo in una band che aveva l'ambizione di fare canzoni proprie sull'orma dei grandi cantautori e del rock alternativo, ma tale progetto sfumò con la partenza di uno dei componenti per l'Irlanda. Alessandro poi è partito per Milano, io per la Francia dove fondai un gruppo di musica da strada, che tra le altre cose mi dava un po' da vivere». Alessandro ha poi iniziato a lavorare per la televisione, finendo a vivere a Milano, mentre Riccardo è riuscito a realizzare il suo sogno e diventare un professore di matematica (!). E’ stato proprio durante il soggiorno milanese di Alessandro che i due si sono ritrovati per lavorare insieme a una canzone: «All'inizio del 2004 ho accettato l'invito di Alessandro a trasferirmi a Milano con una montagna di strumenti elettronici per fare qualcosa di nuovo ed entusiasmante. Dopo un mese è nata "Giornata Solare", interamente composta e registrata a casa di Alessandro», dice Riccardo. All’exploit di quel brano ha fatto seguito la lavorazione del loro primo album, una raccolta di canzoni contraddistinte dalla stessa vena sognante e surreale già messa in evidenza da quel primo singolo. Dopo alcuni mesi trascorsi a scrivere e provinare una quindicina di pezzi a distanza, Alessandro ha lasciato Milano per tornare a vivere a Roma. Il duo si è così ricostituito anche “fisicamente”, e l’estate del 2005 è trascorsa nello studio di Roberto Angelini, dove, in poco meno di un mese, sono stati incisi i brani che compongono il loro album d’esordio sotto la guida di Livio Magnini (Bluvertigo, Jetlag) come produttore. Un altro anno è trascorso tra mixaggi, aggiunte e ritocchi infiniti, un mastering a Los Angeles e uno a Milano, la scelta della scaletta e tanto altro, non ultimi gli impegni lavorativi di tutti i coinvolti nel progetto.