Arrivano da Treviso e risalendo il fiume Sile hanno incontrato il loro Mississippi. I Riverweed, che hanno radici in questa terra in cui i capannoni industiali si alternano alla bellezza della natura, trovano in questi contrasti la loro ispirazione. Suonano in due, spogliandosi di tutto, solo chitarra e batteria. La loro musica parte dal rock ma vuole risalire il corso del fiume, riscoprendo il delta blues delle origini, fino al Mali e alla musica indiana. Nel tour che ha seguito il primo lavoro in studio autoprodotto, "Full Moon", protrattosi fino all'estate 2016, hanno il piacere ed il privilegio di condividere il palco, tra gli altri, con artisti del calibro di Ruthie Foster, Bruce James, Son of Dave, Bandabardò e Adriano Viterbini & Los Indimenticables.