Descrizione

10 tracce.
Si inizia con "Piano B", riflessione sulle seconde opportunità e sulla semplicità di coglierle da parte di chi ha sempre a disposizione un sorriso.
"Utoya" è la constatazione dell'odio che degenera in episodi di follia come quello accaduto nell'isola norvegese.
"Torturo la kitarra" è un leggero divagare sulla semplicità di abbandonare le proprie emozioni dietro un semplice accordo.
"Le parole oltre il senso" parla della ricerca di frasi ed espressioni che vadano oltre il significato stesso delle parole di cui sono composte per tentare di rappresentare sensazioni.
"L'umanità" è la rappresentazione del delirio della natura umana che cerca gioia nei beni materiali e si affanna per raggiungere un benessere chimera, non tenendo conto dell'inevitabile epilogo che porterà all'estinzione. Soprattutto quella individuale.
"Aperto" è una poesia leggiadra, arricchita da piano, archi e controcanti.
"Per due soldi" racconta di quegli individui a cui piace dare sempre lezioni a tutti pur non essendo in grado di fare nulla e a quelli che celebrano l'apparire a costo di svendere la propria anima.
"Sullo sfondo" è un lento voltarsi e rendersi conto di quante vite ci scorrano attorno, ognuna con la propria storia. E mentre noi siamo impegnati a lottare, piangere e ridere per le nostre vicende, ci dimentichiamo di tutto quello che accade sullo sfondo.
Ne "L'economia mondiale" i ritmi che strizzano l'occhiolino alla musica dei Mariachi nascondono la frustrazione di non poter comprendere i giochi economici che animano il mercato globale, nascosti da velati meccanismi. Ogni tentativo è un passo all'indietro.
Si chiude con "Il corso del fiume del tempo", pezzo che gira attorno agli assoli elettrici centrali utilizzati come ritornello. Il testo fumoso ed evocativo richiama alla memoria vecchie melodie da recuperare e preservare prima che vengano perdute nel vortice dei ricordi.

Credits

Andrea Mengarelli - voce, chitarra acustica, tastiere.
Francesco De Santis - chitarra acustica, chitarra elettrica.
Mirko Emiliani - basso elettrico, kazoo.
Giuliano Carloni - cajon, djembe, conga cajon, altre percussioni.

La voce femminile nei cori di "Aperto" è di Rossana Diorio, alla quale va tutta la nostra gratitudine.

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
https://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/legalcode

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati