Descrizione a cura della band

I diari di dieci anni di esperienze personali prendono vita in musica in questo progetto che si muove
esplorando le declinazioni del concetto di radici.
Tutto prende avvio da un viaggio, raccontato nel brano (Radici a Sud) che dà il titolo all’album.
Nel peregrinare verso Sud l’autore percorre un itinerario a ritroso nel tempo, ricercando il se stesso
che fu e portando il suo bambino neonato alla scoperta della sua infanzia, per rendersi conto che la
Sicilia che cerca non esiste se non nel ricordo e nelle istantanee di famiglia e che l’unico mare cui ci
si sente appartenere è ormai quello a quadretti delle risaie dove si è emigrati.
Biciclando racconta un viaggio di ricerca al ritmo lento e cadenzato del pedalare in prossimità di un
mare che non è quello delle origini né della terra dove si è ormai messo radici.
Le Radici sono anche dentro di noi ed espressione del nostro io più profondo, come si canta in Sul
Lavoro, dove, a fronte di un impegno fisico alienante si esprime il proprio io recitando ad alta voce
poesie che stridono con l’ambiente circostante.
Babilonia parla di radici come origini dalle quali si è stati strappati e alle quali si brama di tornare e
il contrasto si fa vivo tra chi, radicato nel suo Paese cerca invano nella sua terra le radici di se stes-
so.
In Rosso di Siena il tentativo di mettere radici nel mondo si scontra con una proposta di matrimonio
fallita e con la disillusione che un “pensiamoci ancora” genera.
Come un pesce, che chiude l’album, ritorna alla Sicilia, la terra delle origini, simboleggiata in un
quaderno ritrovato le cui verità non verranno mai svelate.

Credits

Roberto Casesi : Chitarra e voce
Mario Cavallaro: Basso
Andrea Lentullo: Fisarmonica
Mauro Pelletti: Percussioni

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati