Descrizione a cura della band

Avevo in mente da tempo un album come questo. Istintivo, forte, suonato.
In realtà sono partito dal titolo, che è bellissimo, ma non è opera mia. Non avevo mai
letto prima “Fahrenheit 451” di Ray Bradbury, ma, letta la prima frase, ne sono
rimasto folgorato. Era la perfetta sintesi di ciò che avevo in mente, era la mia voglia forte
di rovesciare il tavolo.

Le canzoni stesse sono nate istintivamente, nel giro di pochi mesi. Una dopo l'altra, con
naturalezza e senza forzare la mano. Un po' come mi accadeva da ragazzino, quando nel
giro di poco tempo nascevano canzoni su canzoni.
I testi sono più duri che in passato, c'è rabbia, c'è forza, c'è passione vera, nel bene e nel
male, c'è ironia e c'è cinismo, ci sono la delusione e la voglia di futuro. Anche in questo
senso posso dire che è un disco che mi racconta e mi rappresenta.

Quando si è trattato di iniziare a dare una forma concreta alle canzoni mi sono posto il
problema di quale fosse la strada migliore.
Ho scelto quindi di lavorare con Fabrizio Barale, chitarrista di grande talento e di
altrettanta eleganza e cura del suono. È stata una scelta a metà tra l'istinto e la ragione,
intuivo che sarebbe stata la persona giusta per dare al disco il suono che avevo in mente.
La mia ferma volontà era quella di avere una band affiatata ed abbondantemente
collaudata, formata da persone che avessero già condiviso il palco insieme. La scelta è
ricaduta, direi con naturalezza, su quella che, tra le altre, cose, era stata la band di Ivano Fossati nel suo
ultimo tour di qualche anno fa. Ricordo che ero rimasto davvero impressionato dalla
qualità del gruppo e dalla varietà di soluzioni che presentava.

Abbiamo quindi coinvolto altri meravigliosi musicisti: Claudio Fossati (batteria,
percussioni), Riccardo Galardini (chitarre acustiche 6 e 12 corde, chitarre classiche,
charango, vihuela messicana), Max Gelsi (basso elettrico, basso acustico), Guido
Guglielminetti (basso elettrico, contrabbasso), oltre ai preziosi contributi di Simone
Lombardo (cornamusa) e di Milen Slavov (fisarmonica).

Fabrizio dice che è un disco suonato alla vecchia, senza inganno alcuno. E infatti è così,
non abbiamo usato campionamenti, la poca elettronica è presente solo in quanto tale.
Non tocca a me dire se si tratti di un lavoro riuscito o meno. Ora che lo sto riascoltando,
però, sono sicuro di aver realizzato esattamente ciò che volevo. Ai posteri l'ardua
sentenza!

(dal libretto di sala del concerto "Era una gioia appiccare il fuoco", MTR 2014)

Credits

All songs written by ROBERTO TARDITO, except "La ferita" (music by ROBERTO TARDITO, lyrics by PAOLO SCANTAMBURLO and ROBERTO TARDITO.

Produced by FABRIZIO BARALE and ROBERTO TARDITO.
Executive production by ALESSANDRO MINO and ROBERTO TARDITO.

Recorded at Piave 34 Studio (Cuneo – Italy) by FABRIZIO BARALE, Artepovera Studio (Torino – Italy) by ROBERTO TARDITO, Slavov Studio (Portland, OR – USA) by MILEN SLAVOV.
Edited at Artepovera Studio (Torino – Italy) by ROBERTO TARDITO.
Mixed and mastered at Piave 34 Studio (Cuneo – Italy) by FABRIZIO BARALE.

Musicians:

FABRIZIO BARALE electric guitars (1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11), acoustic guitars (1, 2, 4, 8)
CLAUDIO FOSSATI drums (1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10), shaker (6, 9), tambourine (6, 9), cajon (6, 9), cabaza (9)
RICCARDO GALARDINI 6 and 12 strings acoustic guitars (3, 6, 7, 9, 10, 11), charango (1), mexican vihuela (11)
MAX GELSI bass (1, 4, 5, 8), acoustic bass (7, 10)
GUIDO GUGLIELMINETTI bass (1, 2, 3, 6), double bass (7, 11)
SIMONE LOMBARDO bagpipes (1)
MILEN SLAVOV accordion (7, 8)
ROBERTO TARDITO piano (2, 4, 6, 8), hammond organ (1, 4, 5, 8), moog modular (4, 5, 6, 7, 11), prophet (1, 6, 7, 9, 11), cs-80 (1, 4, 5), classic guitar (1), bass flute (4), nishaku issun (5), harmonica (10), celesta (2), marimba (8), grancassa (2), cassa (3, 10), bodhran (1, 8), percussions (7, 8, 11), shaker (7), cajon (8), metronome (8), heartbeat (1, 7, 11), ticking clock (2, 9), foot on wooden floor (3, 10), sonorizations (1, 4, 5, 7, 8)

Photos by ELENA MASSARENTI.

International Distribution
CD BABY
13909 NE Airport Way - Portland, OR 97230 USA

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati