Storytelling, Cantautore, Visionario

Sir Oblio nasce artisticamente nella seconda metà degli anni novanta..comincia a scrivere poesie spinto dal malessere interiore, dalla voglia di sfogare quello che ha dentro utilizzando la scrittura come strumento di terapia, come cura per esternare in concreto le sue paure, i suoi dolori e i suoi stati d'animo. Comincia col realizzare i primi tape su nastro a livello casalingo tra cui ricordiamo "Diverso" "Usato" "Inesauribile" & "Il verme"

Nel 2000 decide di trasformare parte di quelle poesie in canzoni; i primi contatti nascono grazie alla rivista AL attraverso la quale entra in contatto con Lamadama, Dj di Urbino, appartenente alla HipHop Stile Latino.

Grazie al supporto del fonico darà vita al suo primo album "Spleen" (2000) da cui seguirà il successivo "L'umanoide" (2001) che continene le collaborazioni con Fly Evoluzione oggi conosciuta come Miss Simpatia.

Parallelamente nelle sue zone di origine conosce Mc Ivanhoe con cui fonderà la "QDS CREW" (Questioni di Spleen) marchio con cui porterà avanti i successivi album rappresentati dalla medesima etichetta indipendente in Autoproduzione.

La voglia di crescere, di imparare e di aumentare le sue potenzialità non cessa mai di esistere, come la voglia di fare nuove conoscenze dandosi la possibilità di collaborare con chi, incontrato sul suo cammino, sente gli stessi bisogni.

Conosce il rapper Jht con cui produrrà il disco "Randagi" (2002) distribuito in Autoproduzione.

Contemporaneamente produce a livello casalingo diversi dischi tra cui "Letto" (2002) "Via G.A. Amadeo, 2" (2003) "Prigioni di guai" (2003) e "Parole qua e la nel dolce far niente" (2004)

Nello stesso anno conosce i rappers Yanko e Spak e con loro produrrà un disco intero "PHNTHC" (2004) che contiene la collaborazione del noto Showpen di Monza, il qualche partecipa sia come fonico per la registrazione del disco sia come featuring,che a livello underground riscuote un discreto successo dando inizio ad una nuova era.

Nel 2005 conosce Stefano Parodi, fonico che lo accompagnerà per 13 anni nella produzione dei successivi dischi tra cui "Hip Hop corn" (2005) decretato come il disco piu simpatico ed energico dei tempi. Il disco circola parecchio e Sir Oblio viene identificato come il "pazzerello" fra gli artisti, nomea che ancora oggi lo accompagna.

Nel 2005 ritorna da Lamadama producendo "Ilarità da maschilista" (2005) seguono "My latest hits" (2006) "Pane quotidiano" (2006) "I costruttori di nuvole" (2007) "Lettere" (2007) "L'ho tirato fuori" (2007) "Domani ho trent'anni" (2008)

Il disco in questione del 2008 segna una grande svolta per Sir Oblio; realizza il video del medesimo brano, da cui prende il titolo il disco, che gira moltissimo nell'ambiente colpendo il cuore di molte persone.

Lo stesso hanno è segnato da una folta produzione di EP in cui l'artista continua a manifestare la sua creatività inesauribile, si citano "L'ho tirato fuori" (2008) "Il cielo è viola" (2008) "Life goes on" (2008) e "Squinternato" (2008)

L'anno successivo, nella prima metà del 2009, Sir Oblio entra in contatto con il noto Carlito, gestore del portale HANO, che gli produrrà il disco "Goodbye coffee" (2009) Il lavoro viene anticipato dal singolo di rilievo "Bubble chupa pikachu" che riscontra un grandissimo interesse all'interno dei fan del portale tanto da diventare anche una suoneria per molti. Il disco, gestito in freedownload, riscuote un ottimo interesse e numericamente ottiene ottimi risultati.

La seconda metà del 2009 è segnata diversamente dal cosidetto periodo "Oblitudine" Sir Oblio entra nella fase piu inconscia, introspettiva e riflessiva della sua carriera artistica esaltando il "lato oscuro" della sua persona; di questo anno rilevante è il disco "Clandestinità" (2009) che contiene le collaborazioni di Juggy, fortissima rapper del milanese e Dydo degli Hugaflame.

Il 2010 continua sulla stessa onda, il periodo "oblitudine" viene messo su carta con un trio di EP contenti lo stesso mood dell'epoca, si ricordano "Mouseville" (2010) "Oblitudine" (2010) "Ritorno alle radici" (2010) i tre ep concludono il ciclo e diventeranno rappresentanti del vero stile di Sir Oblio in cui finalmente l'artista trova la sua dimensione piu completa identificando a pieno la sua natura ed il suo stile.

Del 2011 nasce l'ermetismo dell'artista si ricordano "Ermetico" (2011) e "Kundalini" (2011) in cui l'artista esprime il suo viaggio profondo all'interno della sua anima.

"Stonato ed ubriaco di libertà" & "Panopticon" (2012) rinnovano con intensità l'essenza di Sir Oblio; L'artista continua a prudurre in solitudine scrivendo sempre in maniera autoniografica e cantautorale, non rivolgendosi quasi mai al grande pubblico; Il suo motto è vivere la musica come "cura" come terapia di vita per espellere tasselli di nero dall quotidianità fino a ripulirsi verso la risoluzione.

L'anno dopo è segnato dal dualismo dell'artista che darà vita a "Delirium" (2013)
Il disco viene prodotto in maniera molto sporca, quasi volutamente artigianale per riaffermare la voglia di far vivere un passato cancellato ormai dell'epoca moderna. "Dissected" (2013) invece, prodotto nella seconda metà dell'anno in questione, vede la collaborazione con Morgan Ics, arrivato secondo nell'edizione di x-factor 2012.

Dell'anno dopo abbiamo "Bitter Washing" (2014) & Flow craker's (2014) Nel 2015 "Andy Warhol"

L'artista arriva a produrre in 15 anni di carriera artistica considerando anche i primi tape e le raccolte, 45 album
prendendo il marchio del rapper piu prolifico della zona.