Descrizione a cura della band

La nostra musica è quella necessità che sentiamo dentro, è quella che abbiamo dentro, è ciò che siamo. Io credo che sia la nostra salvezza.
Ognuno ha la propria musica. Ma questa musica singola poi, all’improvviso, come fosse una bestia che non vuole essere presa, si espande fino alla musica dell’altro e dell’altro e dell’altro ancora fino a tornare e ripartire, in una spirale infinita.
Certo, c’è del prog del punk e del rock’n roll, del folk e del jazz…ma in realtà non vogliamo e non abbiamo bisogno di nessuna etichetta o genere specifico.
Facciamo musica, traduciamo in suoni ciò che siamo.
Se proprio occorre definirla, per una qualche strana usanza di catalogazione, userei l’espressione “cantautorato teatrale”: Soster Circus Prog è quel luogo dove la musica e il teatro e la danza si fondono senza chiedersi il permesso, con la ballerina di carta con il cappello da torero e il folle con la giacca di pizzo, con Mangiafuoco e il lanciatore di coltelli… un bel modo per dire tutto e raccontare niente.
Siamo fatti, ciascuno di noi 4, di desideri tensioni sensazioni ascolti percezioni studi improvvisazioni ricordi divagazioni letture amori fughe ironie ritorni dissacrazioni…e proseguiamo cercando visioni di immaginari che, anche solo per quell’istante di presente, possano diventare molto più reali della realtà.

Credits

Valentina Soster: voce e chitarra classica
Nelson D. Sosa: basso acustico e cajon
Cristian Negrini: chitarra acustica, elettrica, 12 corde e cori
Giulia Rossi: cori
Graziano Gatti: tromba

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati