Seste aumentate. Delay. Inserti di bossanova. Amplificatori seviziati che tanto sono a transistor. Stanco del solito indie? Prova Splat!

Gli Splat nascono dalle ceneri degli Exravas, band capitolina a dir poco seminale (in relazione alla quantità di seme schizzato in quegli anni). Il gruppo viene fondato da Marco Tucciarone e Maurizio Contaldi, rispettivamente cantante e batterista, nonché ex membri degli Exravas, assieme al chitarrista E.M. Il trio abbisognerebbe di un bassista, ragion per cui il cantante si trova ad imbracciare il basso elettrico, con esiti alterni: un pò gli piace, un pò no, un pò suona di merda, un pò no. Da quel momento in poi è un continuo viavai di bassisti, che in finale vede sempre l'amara tracolla ritornare sulle spalle del cantante. Nel frattempo Gli Splat, malgrado la precarietà della line-up, mettono a punto una scaletta non lunghissima, ma potente ed originale.
Ma le sorprese non finiscono mai. Giulio, già membro di Kung Fu Trees e Castello, prende in mano le quattro corde (tutte insieme) e diventa ufficialmente il quarto Splat!