Tracklist

00:00
 
00:00
Leggi la recensione Video in questo album (2)

Descrizione a cura della band

SYCAMORE AGE / PERFECT LAUGHTER

“If you're going to try, go all the way. Otherwise, don't even start. This could mean losing girlfriends, wives, relatives and maybe even your mind […] You will be alone with the gods, and the nights will flame with fire. You will ride life straight to perfect laughter. It's the only good fight there is.”
Charles Bukowski

Scrivendo i testi per i primi due brani dell'album, ci siamo resi conto che entrambi, seppur da angolazioni diversissime, trattavano il tema del dialogo tra uomo e divinità.
Immediatamente abbiamo deciso di provare a perseguire questa strada, cercando di delineare un “concept” attorno a questa tematica che, evidentemente, avevamo così a cuore.
“Perfect Laughter”, è un viaggio che si compie tra miti, simboli, olimpi d’ogni tempo e d’ogni dove, suggestioni teoretiche e teologiche, in cui le tematiche affrontate assumono vesti intime e personali, vengono appena sfiorate e talvolta travisate, tra domande che si accumulano senza la presunzione né la possibilità di dare risposte, semplici riflessioni su temi a noi tutti così vicini ma al contempo inafferrabili.

Rimaniamo semplicemente noi stessi, in questo vagare, smarriti nell’immensità degli spazi e delle verità possibili, cercando un appiglio o una base per godere di un po’ di riposo, almeno fino a quando il disincanto non torni a strapparci via per scagliarci nuovamente nei nostri ridicoli tormenti.
Forse l’universo, così come noi lo conosciamo, è solo il frutto di una
nostra arbitraria interpretazione di meri flussi atomici, distorta e travisata dai nostri sensi e dal nostro intelletto limitato. Forse siamo noi stessi che, ridendo come folli, siamo qua a crearci, istante dopo istante, questo sogno impossibile, questo diorama che è la nostra esistenza.
Non potendo fare a meno di constatare il nonsense che sembra contraddistinguere il
cosmo intero, nella stesura dei testi, si arriva persino ad ipotizzare che tutto il creato sia opera di un Dio completamente folle che ha generato tutto ciò in preda ad un incontenibile riso,
forse all’unico scopo di alimentare ancor più la fiamma della sua risata da Trickster.
Una “risata perfetta”.

Per quanto riguarda invece l’aspetto musicale in senso più stretto, in generale abbiamo mantenuto il metodo di lavoro del disco precedente, sviluppando la composizione contemporaneamente all’arrangiamento e alla produzione. Il lavoro si è svolto, dalla A alla Z, nel nostro piccolo studio “casalingo”, nel quale abbiamo a disposizione un gran numero di strumenti, soprattutto di piccola taglia come bouzouki, organo a mantice indiano, piccole tastiere giocattolo, ecc… L’approccio è quindi, per forza di cose, alquanto intimo e ragionato. Tutto viene pesato e stratificato lentamente e meticolosamente, per mantenere alto il grado di controllo sull’esecuzione e sulla selezione delle sonorità. Inoltre, trovandoci in uno studio/appartamento, cediamo spesso alla tentazione di inserire nelle registrazioni anche “strumenti casalinghi” come coperchi, pentolini, bidoni dell’immondizia, bicchieri, ecc… Espedienti questi che si sono rivelati preziosi e che ci hanno permesso, come nel disco precedente, di non usare le batterie, ottenendo comunque una solida base ritmica, meno convenzionale, certo, ma che crediamo abbia conferito maggiore originalità al sound dell’album. Questo insolito approccio, ci costringe (in senso positivo) a dover rivedere e rivisitare tutto al momento dell’arrangiamento dei brani in chiave “Live”. In sostanza, finito il disco, inizia per noi un altro bel gioco che è anche una grande sfida, ovvero cercare di rendere quegli stessi brani altrettanto efficaci anche nell’esecuzione dal vivo, pur non potendo quasi mai riproporre (per ovvie questioni tecniche) molti degli espedienti e degli accorgimenti usati in studio.

Credits

Stefano Santoni: produzione artistica
Ufficio Stampa: Promorama
Booking: Gilda

Sycamore Age:
Davide Andreoni
Luca Cherubini
Francesco Chimenti
Sam MC Ghee
Nicola Mondani
Franco Pratesi
Stefano Santoni

Commenti (3)

Carica commenti più vecchi
  • Mandrake 09/02/2015 ore 15:30 @mandrake

    Bravi ragazzi !!!!

  • Nicola Bonardi 10/02/2015 ore 16:57 @nicko

    wow!

  • Alessandro Granelli 11/02/2015 ore 14:27 @thesandrochu

    "In the blink of an eye" pazzesca, ma awesome anche tutto il resto. Very Good, Bravi!

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati