Descrizione a cura della band

È "Twelve Letters" il titolo del nuovo album di The Leading Guy in uscita il 3 Maggio per Sony Music Italy. Dodici lettere scritte “a cuore aperto”, rivolte a persone vive e a persone che non ci sono più. Lettere in cui, a seconda del destinatario, cambia il registro stilistico e varia l’umore, pur mantenendo la costante del pop-folk, con incursioni nel rock, che rende The Leading Guy internazionale nel sound e nelle intenzioni musicali. Nel mezzo del cammin fugace di una email o di un messaggio WhatsApp – le attuali forme virtuali di comunicazione, sicuramente più immediate ma evanescenti per definizione - l'artista vuole ritrovare quel contatto personale, intimo e tangibile con i suoi ascoltatori, rivolgendosi loro come singoli destinatari delle proprie lettere e auspicando di instaurare una reale corrispondenza epistolare. The Leading Guy farà parte anche di “Faber Nostrum”, il disco tributo a Fabrizio De André, in uscita il 26 aprile, con alcuni dei nomi più influenti della nuova scena musicale italiana. In questa compilation il cantautore partecipa con il suo primo brano in assoluto cantato in italiano (Se ti tagliassero a pezzetti).
Dal prossimo 2 maggio, invece, sarà impegnato nelle aperture del tour teatrale di Elisa, che lo ha scelto personalmente ascoltando la sua musica e annunciandolo nei suoi social.


BIOGRAFIA
Cantautore abile e raffinato, mette al centro del suo lavoro le canzoni, cercando di raccontare qualcosa di unico e spontaneo. Cerca il silenzio in modo da poter rappresentare al meglio il suono di ciò che è prezioso, per poi interpretarlo in modo essenziale, grazie ad una vocalità dolce e graffiante. Quello che succede attorno a lui diventa inevitabilmente soggetto di analisi e motivo di introspezione per comprenderlo e provare a raccontarlo, come vuole la tradizione più sincera del cantautorato. Ascolta le persone costruendo una relazione onesta con loro, scambia ciò che pensa in quel momento e condivide sempre i suoi pensieri. Dotato di una capacità melodica pulita e brillante, ha fatto dei testi e dell’interpretazione le sue caratteristiche stilistiche distintive e facilmente riconoscibili.
Inizia a farsi conoscere nel 2015, considerato da subito dalla stampa di settore tra i 10 nuovi cantautori da tenere d’occhio. Il suo album di debutto, Memorandum, viene annoverato tra i migliori dischi pubblicati in quell'anno e l'estratto "Behind the Yellow Field" scelto come parte della colonna sonora per la serie di Rai1 "Tutto può succedere". Parallelamente si fa notare dal vivo su alcuni palcoscenici prestigiosi, come quello del festival Ferrara Sotto Le Stelle, della Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, all'Arena Stožice di Ljubljana, nella centralissima piazza Tomislavac di Zagabria e del No Borders Music Festival a Tarvisio, come opening act ad alcuni importanti artisti nazionali e internazionali, quali Niccolò Fabi, Max Gazzè, 2Cellos e Jack Savoretti.
Il suo brano “Times” è stato scelto dal brand internazionale DAVIDOFF per una campagna pubblicitaria. Nel marzo dello stesso anno è uscito per Sony Music il singolo “Land Of Hope”, primo passo di un nuovo percorso artistico intrapreso dall’artista, che lo ha portato ad inserirsi tra i musicisti più condivisi in Italia e in Svizzera, entrando con il singolo di lancio nella speciale classifica di Spotify Viral50. Il terzo singolo “Black” uscito a Dicembre 2018, diventa assieme a “Oh Brother” il trampolino di lancio dell’album Twelve Letters, in uscita il 3 Maggio 2019.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati