Thing Mote - Wasteland testo lyric

02/05/2020 - 18:10 Scritto da Thing Mote Thing Mote 2

TESTO

This is what I see
And I can’t believe
Blood and flesh
Fear and sweat
It's time to go back

This is what I see
And I can’t believe
Hide with sick
Clicking quick
So many many leaks

Kids are old men
Herd is so packed
They stray alone
They watch the bowl
Where we're on

Talk to me please
Crowded London Bridge
Truth on the net
Philosophy, help!
It’s time to go back
Now

All their eyes fixed
Counting electric sheeps
Screens are black
Poetry is dead
Time to go back now
It's time to go back now

It's time to go back now

This is what I see
And I can’t believe
And I can’t believe

Gathering around the fire
In this waste land
Shrinking in the wire
In this waste land

Which of these gods
Will lead us to polls
How many smears
Will lead us to sneers

Gathering around the fire
In this waste land
Shrinking in the wire
In this waste land

These ancient ruins
Are here for the fluids
While engineers
Fuck up all the fears

Gathering around the fire
In this waste land
Shrinking in the wire
In this waste land

Shrinking in the wire
In this waste land

PLAYER

Premi play per ascoltare il brano Wasteland di Thing Mote:

Questo brano è stato inserito in alcune playlist dagli utenti di Rockit: Abissi (di @rockitadmin con 777 brani)

DESCRIZIONE

Il titolo è una chiara citazione al poemetto modernista The Waste Land di T.S. Eliot di cui si cita anche il passo in cui il London Bridge è percorso da morti che camminano in stato di alienazione.
La progressiva disumanizzazione, androidizzazione (“counting electric sheeps” riferimento a P.K. Dick) dell’umano e un tentativo, sospeso (“I can’t believe…”), solo pensato, di poter tornare indietro.
Nella seconda parte si abbandona la speranza, dopo la progressiva accelerazione del tempo (anche musicale). Ci si trova così nella terra desolata (“in this waste land”) ridotti a connessioni artificiali (“shrinking in the wire”), senza speranza in religioni o politica (“gods”, “polls”), abitando antiche rovine di una gloriosa storia passata, le quali sono destinate a venir sommerse dall’innalzamento degli oceani (“...these ancient ruins are here for the fluids”), mentre i tecnici (“engineers”) ci distanziano dai sentimenti umani.

CREDITS

Voce Principale: Giuliano Fasoli
Seconda Voce: Tommaso Zanardi
Testo: Giuliano Fasoli

ALBUM E INFORMAZIONI

La canzone Wasteland si trova nell'album Robokiller uscito nel 2020 per Cabezon Records, Artist First.

Copertina dell'album Robokiller, di Thing Mote

---
L'articolo Thing Mote - Wasteland testo lyric di Thing Mote è apparso su Rockit.it il 2020-05-02 18:10:37

COMMENTI

Aggiungi un commento avvisami se ci sono nuovi messaggi in questa discussione Invia