Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

Tastyville, il nuovo disco dopo 4 anni dal precedente Long Distance (2008 African Tape), è un lavoro nato più dalla pancia che dalla testa. Ogni pezzo rispetta solo la struttura cinematica dell’epidermide, cambiando rotta e direzione senza alcuna premeditazione di stile che non sia la libera guida dell’istinto. Tastyville mostra una nuova coesione di gruppo, la voglia di aprirsi e lasciar esplodere rigogliosamente un suono - il suono ruvido e minimale creato dal triangolo chitarra, basso, batteria - in un’inedita e libera fluorescenza che del punk conserva l’attitudine ma non più l’immaginario. Forse è per questo che ogni traccia di Tastyville è un’esperienza che racchiude in sé più stati emotivi piuttosto che esibirne uno in modo pedissequo. Niente etichette da spendere perché tutto è mescolato, frullato e digerito. Dei Three Second Kiss nei tanti anni di attività si è detto di tutto e di più. Per noi le 9 tracce di Tastyville sono musica primitiva, emotiva e visionaria. Ciò che rimane quando togli il superfluo.

Credits

Massimo Mosca - Basso voce
Sacha Tilotta - Batteria
Sergio Carlini - Chitarra

Sacha Tilotta suona l'hammond in "caterpillar tracks haircut"
Sergio Carlini suona la lapsteel in "cut the nerve e "don't dirty my heart"

Registrato e missato da Sacha Tilotta (c/o Sotto il Mare rec. Studio)
Masterizzato da Bob Weston (c/o Chicago Mastering Service - Usa)

Commenti (1)

Aggiungi un commento:


ACCEDI CON:
facebook - oppure - fai login - oppure - registrati