Il progetto EVA nasce come idea concettuale nel lontanissimo 2003. L’idea originariamente di FLB, Filiberto Petracca (voce e chitarra), era di riprodurre un sound ipnotico e suggestivo. Ma data la scarsa esperienza ed il banale susseguirsi degli eventi, il progetto subisce una serie di cambiamenti e di evoluzioni, con ingressi ed uscite di vari musicisti della città di Bari.
Così, dopo una serie di tentativi, finalmente nell’estate del 2008 FLB, unico superstite costante del gruppo, incontra Luciano Sibona (basso e voce). Insieme decidono di rimettere in piedi il concetto e finalmente nacque con il nome EVA, la band ufficiale. Quella che poi avrebbe segnato un percorso continuo e duraturo.
Nel novembre dello stesso anno finalmente la formazione è al completo con l’incontro di Paolo Caputo (batteria) ed un vecchio compagno di liceo di FLB, Valerio Carone, detto anche Balur Muyolab (voce e tastiere).
Utilizzando come punto di partenza i diversi brani originali realizzati e registrati in modo Lo-Fi da FLB in tutti gli anni passati, la band si muove perseguendo la stessa direzione psichedelica originaria, ma grazie ad una gamma sonora più ampia e soprattutto più evoluta, il sound complessivo risulta essere più maturo, compatto e sempre verso direzioni lisergiche, non trascurando il concetto di canzone.
Una caratteristica che salta subito agli occhi in questa prima fase è il suono molto rock dalle sfumature grunge.
Nel febbraio del 2009, i componenti decidono di cimentarsi nelle prime registrazioni e producono in modo autonomo il primo Ep “Easy as spring and violently black”, contenente 5 brani inediti.
Da aprile 2009, iniziano ad esibirsi dal vivo in diversi contesti locali e festival; finalisti al "Festival Fuori dal Comune", Premio giuria popolare al "Saint Rock Festival"), oltre alle diverse esibizioni per vari Circoli Arci, associazioni culturali e live pub in genere.
Dopo questo primo anno di attività nasce “Quiet nights”, secondo Ep autoprodotto. Questa volta le riprese vengono effettuate in maniera professionale in uno studio. Il missaggio ed il mastering, caratteristiche essenziali del sound, sono sviluppati e studiati personalmente dai componenti del gruppo. Il risultato finale è una commistura di post-rock con venature ambient, un sound complessivo più misterioso, introspettivo.
In questo periodo il progetto comincia ad approdare anche su emittenti televisive locali ed in trasmissioni radiofoniche, tra cui Artegalia, Radio di Alicante e al programma per band emergenti Demo in onda su Rai Radio 1, ricevendo ottimi feedback. Inoltre tramite la pubblicazione indipendente e libera da diritti commerciali sul sito www.jamendo.com, molti brani dei 2 Ep prodotti vengono utilizzati per sonorizzare: una pubblicità su di un sito di e-commerce, un cortometraggio francese di animazione, ed il documentario australiano Whiparound 3.
Nel marzo 2010 il bassista Luciano Sibona lascia la band e viene sostituito poco dopo dall’attuale bassista Lelio Mulas.
Nel frattempo i concerti e le esibizioni dal vivo continuano, inoltre partecipando e arrivando in finale al concorso VDP Music Lab a Monopoli, dividendo il palco con artisti di calibro internazionale come Goran Kuzminac, Robertinho De Paula e Carvin Jones.
In collaborazione con l'Associazione Culturale L'arco di Ulisse, il gruppo EVA organizza un evento performance dal nome “Eros e Thanatos” presso la galleria d’arte BLUorG a Bari. Un evento composto da live set, mostra fotografica e figurativa ed infine presentazione del libro “Scavamilanima” di Roberta Calò.
Nel corso del 2010 la band comincia a spostarsi, ed a suonare dal vivo, fuori dalla propria regione. Tappe importanti sono state Faenza ed un mini tour estivo in Sicilia.
Nell’agosto 2010 il gruppo partecipa e vince il concorso Saint Rock Festival, aggiudicandosi, oltre ad il primo premio, come miglior gruppo, il premio della giuria tecnica. Questa vittoria consentirà l'accesso ad un’esecuzione live al MEI, Meeting delle Etichette Indipendenti, di Faenza nel mese novembre 2010.
Nel gennaio 2011 il gruppo partecipa al concoso “Top 50 Brand New” organizzato dal MEI, aggiudicandosi con il brano “Nothing seems to change” il 7° posto come miglior brano indipendente della scena italiana del 2010.
A maggio dello stesso anno terminano le registrazioni del 3° Ep autoprodotto “Fading Monsters” contenente 7 brani inediti tra cui “Nothing seems to change”. Il lavoro questa volta viene registrato tutto interamente in una formula Lo-Fi in una camera da letto. Il sound che ne deriva è completamente diverso ed innovativo per il gruppo; melodie vocali armonizzate a più voci, chitarre acustiche, batterie elettroniche ma con piatti e percussioni registrati dal vivo, ed un uso molto più cospicuo di sintetizzatori e tastiere. L’approccio che ne risulta è decisamente meno live e più da studio, ma sviluppando così un suono estremamente intimista e vicino.
Nel mese di luglio viene pubblicato “Proto”, 4° Ep del gruppo, ma in realtà un vecchio lavoro autonomo ed indipendente di FLB, antecedente EVA. Un disco strumentale ricco di atmosfere spaziali e paesaggi sonori, dove tuttavia si possono cogliere le prime tracce di quello che poi sarebbe diventato il sound del gruppo attuale.


Tutti gli Ep sono scaricabili gratuitamente da:
http://www.jamendo.com/it/artist/Eva_%284%29


Canale Youtube: www.youtube.com/tocompleteaman
Facebook : www.facebook.com/pages/Eva/149107905134844

Mail: tocompleteaman@gmail.com