Aprile 2007: “Una pura formalità” emerge dal brodo provinciale tra Pisa e Livorno. E' il progredire di un’aspirazione di tutti coloro che la compongono. L’intento è quello di coniugare alla ricerca sonora e alla profondità delle atmosfere musicali una dimensione letteraria che, se pur partendo dalla tradizione cantautoriale ben presto se ne slega, e si propone di definire ad oggi un nuovo linguaggio. Per quanto riguarda i testi, essi vivono sia su di un livello fatto di spontaneità ed immediatezza, sia su di uno più stratificato e ricercato, popolato spesso di echi tematici e di citazioni. Per quanto riguarda le musiche non esistono modelli od ordini di genere, sopravvive comunque una certa propensione per la melodia. L’intento è quello di fare musica di ricerca, trovando forse uno spazio nella più eclettica e multiforme scena italiana del rock d’autore. Per quanto riguarda le performance live implementiamo lo spettacolo con l’impiego di videoproiezioni: per questo e non soltanto ci avvaliamo della collaborazione di uno straordinario settimo elemento, l’artista grafico e fumettista Tiziano Angri, a completare con la dimensione visiva l’effetto straniante/suggestivo di musica e testi. A Maggio 2008 Una pura formalità presenta il suo EP "Canti Didascalici" presso il "Caracol" di Pisa riscuotendo un grandissimo apprezzamento e terminando le copie dell'EP. Attualmente il gruppo sta lavorando sui nuovi pezzi senza sacrificare la parte live.

Ultimi articoli su Una pura formalità