Tracklist

00:00
 
00:00
Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

SEASONAL BEAST è il nuovo album di UNEPASSANTE: otto brani fatti interamente di elettronica e voce, in cui il pop flirta con esperienze formali e sonore di confine.

Seasonal Beast, opera che la Sarno condivide anche a livello compositivo con Emanuele Fiordellisi, già da anni nella squadra, e David Matteini (ex Bad Apple Sons), è il primo lavoro autoprodotto di UNEPASSANTE. Composto e arrangiato dai tre nell’arco di un paio d’anni, il disco è stato registrato per lo più in casa, per poi essere rifinito e missato tra le mani dei valenti produttori/ingegneri del suono della palermitana Indigo (Fabio Rizzo, Francesco Vitaliti e Donato Di Trapani). Il mastering è stato eseguito negli Stati Uniti, da Shawn Hatfield di AudibleOddities, già a lavoro sulle produzioni di Amon Tobin, Machinedrum e molti altri.

Un disco interamente elettronico, in cui le sonorità sono filtrate da una forma di meccanicità ricercata, per lo più sintetica, a tratti volutamente fredda, che lascia spazio soltanto organico soltanto alla voce umana. La voce della Sarno si lascia incatenare dagli inviluppi elettronici solo per liberarsene di volta in volta, in una nuova scoperta di sé costantemente rinnovata. Come di consueto nei lavori di UNEPASSANTE, di pezzo in pezzo si passa attraverso una palette cangiante di generi e suoni, che pur rimanendo nel campo dell’elettronica si vestono di sempre nuovi caratteri musicali, difficilmente definibili in categorie precise. Dagli estremi techno di The Discipline, che chiude il disco, si risale verso momenti più ballatistici (Florence Be Kind To Me), passando per parentesi stranianti di vocoder ed echi di strumenti ad arco fantasma (Sleep). I cambiamenti di atmosfera si insinuano dentro le strutture stesse dei brani, come accade nella bipartita This Be The Verse (da una poesia di Philip Larkin), che mostra nella seconda sezione un’immagine riflessa, sinistra, della prima. Se è un sogno a costituire l’essenza lirica di Sapling Tree, questa si trasferisce musicalmente nella scansione ossessiva di un 5/4 che nei suoi trasformismi sa mostrare i lati più ambigui di ogni fuga onirica. Così l’incrocio di voci di Cursed Be The Light, che re-inscena gli ultimi istanti prima della catastrofe nella storia di Tristano e Isotta, si fa specchio della prospettiva doppia che la canzone porta in sé. In sostanza, è sempre il senso profondo dei brani a dettare le coordinate per la veste sonora, per la struttura drammaturgico-musicale di questi.

Seasonal Beast arriva dopo dieci anni esatti dai primi esperimenti solitari di songwriting di Giulia Sarno, sfociati prima in un EP folk-rock (Enjoy The Road, 2008) e poi in un primo LP (More Than One In Number, Anna The Granny 2010), in cui la vena esplorativa di UNEPASSANTE si esprimeva in termini alt-folk, art-rock con qualche accenno al jazz. L’incontro con l’elettronica di Emanuele Fiordellisi ha prodotto il cambiamento incarnato da No Drama (Anna The Granny 2013), che rappresenta un tentativo di conciliare le spinte acustiche, chitarristiche del songwriting originale della Sarno con l’universo elettronico, in un equilibrio sempre rinegoziato. L’abbandono (temporaneo?) di ogni tentazione folk con Seasonal Beast costituisce l’approfondimento di una ricerca e di una riflessione sulle questioni dell’espressività, della composizione pop, dell’astrazione musicale, per mezzo di un allontanamento volontario dalla comfort zone che tutti sognano dalle cantautrici.

Credits

Giulia Sarno - voce
Emanuele Fiordellisi - elettronica
David Matteini - synth

Prodotto e registrato da unePassante
Mix e supporto agli arrangiamenti: Indigo (Fabio Rizzo, Donato Di Trapani, Francesco Vitaliti)
Mastering: AudibleOddities (Shawn Hatfield)

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati