Valeriano Gaibazzi - Ascolta e Testo Lyrics Ecce Homo

Brano

00:00
 
00:00

Credits Ecce Homo

Valeriano Gaibazzi

Testo della canzone

E mi racconti dei tuoi vecchi amori
di te più giovani ed anche migliori
son venuti, mi hai detto, a cercarmi
tu potevi rimanerne fuori

E lo specchio racconta una storia diversa ogni volta
quando il sogno si spezza e la favola triste diventa

Il silenzio spesso aiuta a dormire
non vuol dire che tu non potevi amare
ma il conoscere spesso mi dice
che il tuo numero arriva e scompare

Cartelloni pubblicitari, ma che senso ha,
il tuo dire : il mio uomo è a casa e forze non ha.

E il tormento si insinua ogni giorno
nel tuo essere e in quello che fai
e difficile è ogni ritorno
e ti chiedi che cosa sarà
se pian piano ti senti morire
e lo dici e mi chiedi il perchè
quando un uomo si sente morire
quell'uomo in un angolo è.

Non pensavo di essere il solo
ma sapevo di essere buono
tutti gli altri puliti e ordinati
profumati, fascinosi, amati

E pensavo che la mia dolcezza potesse bastare
a fare di me un uomo, forse, speciale

E mi resta il mio amore ed un sogno
in qualcosa che forse non c'è
questo viaggio senza ritorno
questo viaggio che viaggio non è
tu che guardi altri uomini al banco del bar
quelli giusti che fanno per te
sono solo una scheggia di tempo
un apostrofo senza un perchè

E il tormento si insinua ogni giorno
nel tuo essere e in quello che fai
e difficile è ogni ritorno
e ti chiedi che cosa sarà
se pian piano ti senti morire
e lo dici e mi chiedi il perchè
quando un uomo si sente morire
quell'uomo in un angolo è.

Album che contiene Ecce Homo

album Senza Parole - Valeriano GaibazziSenza Parole
2012 - Cantautore, Easy-listening, Pop rock
Vai all'album Vai alla recensione

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati