Leggi la recensione

Descrizione a cura della band

A due anni di distanza da “La Maledizione sta per Arrivare”, i Valium tornano in scena con il secondo album ufficiale “Revolution” (edito da CPRS produzioni), una rivoluzione completa del loro modo di fare musica.
Tenetevi quindi lontani dai piani utopistici e dai contestatori di mestiere, la rivoluzione dei Valium è spirituale, anarchica e profondamente reale. Nessun progetto di conquista del mondo o lezioni di vita nonostante il secondo disco ufficiale e dieci anni di carriera insieme, piuttosto il golpe degli emarginati e dei poeti dagli occhi luccicanti, quelli veri.
I Valium non sono interessati ai bilanci, ma all’espressione, dalla spiritualità sixties alla potenza degli anni ’90 fino al 2013, l’anno che non doveva esserci e che forse non esiste.
Il Ritorno all’indipendenza dove il disco è stato registrato nella calda estate 2012, volutamente in presa diretta per dare quel suono ruvido rock degli 90 .
Ritorno all'adolescenza, al luccicore dei sogni di gloria così in bilico tra onnipotenza e realtà. Il luogo definitivo di ogni outsider.

Credits

Registrato in presa diretta, editing al minimo, riversato su nastro.
Co-prodotto ed interamente registrato, mixato e masterizzato da Ferdinando Farro (Maybe I'm).
Artwork: Christian Sciascia (www.christiansciascia.com)
C'eravamo rotti dell' HI FI.

Commenti

    Aggiungi un commento:


    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati